Warning: scandir(/var/www/vhosts/informazione.tv/httpdocs/img/public/2014/Route 66: Texas/): failed to open dir: No such file or directory in /home/radiofermo_user/ftp/radiof1.it/informazione.tv/app/controllers/Stampa.php on line 58

Warning: scandir(): (errno 2): No such file or directory in /home/radiofermo_user/ftp/radiof1.it/informazione.tv/app/controllers/Stampa.php on line 58

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/radiofermo_user/ftp/radiof1.it/informazione.tv/app/controllers/Stampa.php on line 59
GIORNO 5: Texas, Cadillac e tempeste di sabbia

Il viaggio dei nostri 3 fermani lungo la Route 66 prosegue attraverso lo stato del Texas fino ad arrivare al New Mexico, fra Cadillac, tempeste di sabbia e la scoperta dell'America più vera.  Eppure, la Mother Road può celare insidie dietro ogni angolo. 

Welcome to the West!!

Per la precisione nel Far West, visto che in questo momento vi stiamo scrivendo da una piccola cittadina sperduta del New Mexico, di nome Tucumcari, città di confine che viene attraversata a metà dalla Route 66.

Il tutto nel bel mezzo di una vera e propria tempesta di sabbia.  E che vento!!!

La connessione è tremenda tanto che il sottoscritto, cronista di questa avventura, si trova all’interno della nostra fedele auto per scroccare la connessione a un hotel vicino(visto che nel nostro non c’era) mentre di fronte a lui balle di fieno attraversano la strada desolata come se nulla fosse. Sembra di essere proprio in un film!

Ad ogni modo: siamo al giorno 5 del nostro viaggio, lo scenario è cambiato ulteriormente e dalle praterie dell’Oklahoma, siamo passati attraverso le lande aride e desolate del Texas fino ad arrivare al vero e proprio ingresso del deserto del New Mexico.

La giornata di oggi è scivolata velocemente lungo la Mother Road, scoprendo come tutti gli stereotipi del Texas siano veri: mucche ovunque, pozzi di petrolio anche all’interno dei centri abitati e persone vestite con cappello da cowboy e stivali in pelle con fibbie ad ogni angolo. Per non parlare delle bistecche: una Ribeye da 16 oz(in pratica mezzo kg abbondante di carne) pagata solo 20 dollari! Un sogno.

Il tempo finalmente è migliorato e se già ieri in Oklahoma si erano visti i primi miglioramenti, oggi l’attraversamento del confine col Texas ha visto salire la colonnina del mercurio dai 20° agli afosi 35°. Un passaggio netto che ci ha colti alla sprovvista, ma allo stesso tempo ha rinvigorito gli spiriti. 

Eppure, nonostante stazioni di benzina abbandonate, intere cittadine disabitate e alcune pittoresche città come Amarillo o Shamrock, la meraviglia della giornata è stata quando ci siamo imbattuti in 10 Cadillac conficcate all’interno del terreno.

Uno dei simboli più famosi della Route 66, queste Cadillac sono un’opera d’arte di un milionario texano che negli anni 70 decise di comprarsi queste Cadillac e di realizzarci una scultura di arte contemporanea. Non si sa per quale motivo, ma il fatto di averle trovate nel bel mezzo del nulla, fuori di Amarillo, con attorno nient’altro che pascoli e pietre, ci ha dato la possibilità di comprendere quanto questa strada sia la patria dell’eccentricità.

Nonostante l’orario sia ulteriormente cambiato con il passaggio dal Texas al New Mexico, portando l’orologio a -8 ore rispetto l’Italia, il viaggio prosegue e domani ci dirigeremo verso l’Arizona, per visitare i popoli indiani di Santa Fe e arrivare ad Albuquerque.

Viaggiare nel deserto sarà un banco di prova, ma siamo sicuri che il meglio della Route sta per arrivare!!! Don’t miss it! 

 

Data inserimento: 2014-05-17 07:17:23

Data ultima modifica: 2014-05-17 07:31:56

Scritto da: Iacopo Luzi

Galleria