Canone speciale RAI. CNA Fermo: attenzione, non tutte le imprese sono obbligate al pagamento. Silenzi e Migliore: “Modalità inaccettabili”

La CNA Provinciale di Fermo chiarisce la questione canone speciale Rai, dopo l’arrivo, la scorsa settimana, di tantissimi bollettini alle imprese artigiane di tutti i settori.

"La Rai tenta nuovamente il colpaccio, con una sorta di ‘pesca a strascico’ - spiega la nota di CNA Fermo - si ipotizza infatti che il pagamento di questa tassa speciale possa fruttare almeno 1 miliardo di euro. Due anni fa aveva già provato lo stesso prelievo forzoso, esigendo il pagamento indistinto del canone speciale da tutte le imprese. Ma la reazione del mondo produttivo e delle associazioni, CNA in testa, l’aveva costretta alla marcia indietro.
A due anni da quei chiarimenti, muovendo dallo stesso errato presupposto, la Rai torna a colpire nel mucchio con lo strumento dell’invio massivo di generici ‘solleciti di pagamento’ (con allegati bollettini) che, nella sostanza, scaricano l’onere della prova sui destinatari".

“Chiedere alle imprese e agli artigiani di effettuare verifiche tecniche come riportato nella comunicazione della Rai – dichiarano il Presidente provinciale Paolo Silenzi e il Direttore provinciale Alessandro Migliore – è impensabile. Le modalità applicate per questa richiesta sono inaccettabili: essa genera sconcerto e preoccupazione tra tutte le categorie coinvolte. Soprattutto tra i tanti che, non essendo tenuti al versamento del canone speciale Rai, dovranno tuttavia sprecare tempo per rispondere a una richiesta infondata. Ancora una volta le categorie produttive sono chiamate a farsi carico di incombenze altrui, sottraendo alla loro attività energie preziose”.

La CNA nazionale ha già chiesto al Governo e al Parlamento di imporre il blocco immediato dell’odioso provvedimento adottato dalla Rai, dell’invio dei bollettini e soprattutto del pagamento indiscriminato del nuovo canone e nella giornata di ieri, martedì 1° luglio, il Presidente di CNA nazionale Daniele Vaccarino ha inviato una lettera aperta al Presidente della RAI Tarantola: “Siamo sicuri – ha scritto Vaccarino – che comprenderà i nostri rilievi e confidiamo che possa essere messo in campo ogni strumento per risolvere definitivamente il problema del canone speciale Rai, individuando una volta per tutte i soggetti tenuti al suo pagamento”.

Data inserimento: 2014-07-02 15:37:41

Data ultima modifica: 2014-07-03 11:25:29

Scritto da: Redazione