Giornata di Studio. “I Giovani e la Comunicazione” Appuntamento il 4 dicembre a Fermo

Organizzato dalla sezione marchigiana della Società Italiana di Psicologia e Psichiatria, il Seminario fermano, in programma il 4 dicembre al centro congressi San Martino, si propone di affrontare i problemi relativi alla comunicazione nel mondo giovanile. In una società sempre più presa dalla “compulsione” consumistica e dalla apparente inevitabile necessità di correre sempre più verso un obiettivo che, spesso, è alle nostre spalle ci troviamo sempre più condizionati da una comunicazione altrettanto frenetica e “consumistica”.

Quotidianamente ci confrontiamo con il mondo della comunicazione con un atteggiamento “ambivalente”, sempre più combattuti tra “carta stampata” e “web”. Dai rotocalchi siamo passati ai microchip e, dalla figura arcaica degli “strilloni” siamo passati ai “social network”. Il naturale bisogno di comunicazione, di informazione, di conoscenza si è sempre più trasformato nella necessità di apparire informati, mostrarsi “adeguati”, di sapere tutto in maniera sempre più tempestiva ed esatta. Le conseguenze di questa pressione tecnologica ha sempre più condizionato il modo di comunicare fino a diventare una limitazione per chi non ha dimestichezza o non accetta tali “modernità”.
La “comunicazione” è, da sempre, alla base della relazione umana finalizzata a trasmettere e condividere emozioni; l'attuale tecnologia (facebook, tweeter, ...) si avvale sempre più del web per trasmettere “freneticamente” notizie e comunicare in maniera sempre più dinamica ed ossessiva fatti, sensazioni e tutto ciò che attiene alla sfera emozionale. Un corretto uso di tale tecnologia può rendere più agevole e fruibile la comunicazione stessa; ma un uso errato e/o distorto può essere alla base di un vero e proprio disagio che, nel tempo, passa attraverso la dipendenza fino ad arrivare ad una vera e propria limitazione della libertà con l’unica “effimera” finalità dell’efficienza, segno evidente di una esaltazione del sistema che induce sempre più verso il protagonismo e la competizione.
L'obiettivo degli incontri, che saranno programmati in ogni provincia marchigiana, è di incontrare gli studenti, le associazioni dei familiari, le associazioni giovanili e culturali, educatori e operatori della Scuola e dei Servizi Sociali del territorio, per comunicare e avviare un confronto sulle problematiche relative all'uso deviato e/o abuso del web e suggerire il modo “migliore”, più sicuro ed affidabile di utilizzare i “social” e i sistemi informatici a disposizione.
Oltre alla “psicopatologia da web” saranno affrontati argomenti relativi al disagio generazionale alla base di conflittualità familiari, a cura di esperti del settore, alcuni docenti in atenei delle Marche.

Data inserimento: 2014-11-26 16:39:41

Data ultima modifica: 2014-11-27 12:03:22

Scritto da: Redazione