Legge di Stabilità: a rischio l’erogazione di servizi da parte della Provincia di Fermo. I sindacati e Cesetti firmano un documento congiunto. LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE

In attesa dell'Assemblea del personale della Provincia di Fermo, indetta dalla RSU domani alle ore 12, nella quale verrà illustrata la grave situazione in cui l'Ente potrebbe trovarsi se il Governo non modificherà la Legge di Stabilità 2015 ed in particolare se alcuni emendamenti depositati in Commissione al Senato venissero approvati, le Segreterie Territoriali di categoria FP CGIL - CISL FP - UIL FPL di Fermo hanno sottoscritto stamattina un documento congiunto con il Presidente della Provincia. Documento che è stato inviato anche ai Deputati e Senatori eletti nel territorio fermano ( On Ceroni, On Petrini, On Verducci). Tale documento verrà meglio illustrato nel corso dell'assemblea di domani e presentato per l'approvazione al Consiglio prossimo.

Nel documento congiunto le sigle sindacali ed il presidente Cesetti spiegano come: “ln sede di esame della Legge di stabilità 2015 da parte del Senato, oltre a vedere confermato il prelievo forzoso di un miliardo dalle risorse che i cittadini versano alle Province, il Governo, invece di ridurre le tasse in maniera corrispondente a detto importo, ha presentato un emendamento con il quale è previsto l'esubero del personale delle Province che non svolge le funzioni fondamentali verso la Regione e i Comuni per la quota che supera il 50% della spesa del personale. ll taglio previsto per il sistema delle Autonomie delle Marche, per il solo 2015, ammonta a 300 milioni di euro”.
Sindacati e Cesetti che lanciano l’allarme: “Le norme che sono in corso di approvazione, in mancanza di finanziamenti certi ed in presenza di un prelievo massiccio delle risorse finanziarie delle Province, non consentiranno alla Regione Marche e ai Comuni del territorio (su 40 Comuni del fermano ben 35 hanno una popolazione inferiore ai 10.000 abitanti) di acquisire il personale in mobilità e non permetteranno alla Provincia di Fermo di continuare nella positiva esperienza di erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese realizzata nella prima consiliatura”.

 

LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE

Data inserimento: 2014-12-16 14:01:27

Data ultima modifica: 2014-12-16 14:03:40

Scritto da: Redazione