Fermo al voto. “Il progetto di Zacheo sui lotti di Casabianca? E' lo stesso dell'amministrazione Di Ruscio”. Michele Rastelli presidente di Fermo Libera attacca: “Il PD si rende conto?"

“A volte in politica, anche mettendoci tutta la buona volontà, ci sono cose che sfuggono all'umana comprensione. Si prenda ad esempio il progetto per la risoluzione dei lotti alberghieri di Casabianca presentato con tanta enfasi domenica scorsa dal PD”. Così Michele Rastelli, presidente dei civici di Fermo Libera, interviene in merito al progetto evidenziando come: “ Si tratti dello stesso progetto presentato dall'Amministrazione Di Ruscio”. Rastelli che va oltre e attacca in modo diretto il Partito Democratico fermano.

Presidente di Fermo Libera che scrive:“Non sarà sicuramente sfuggito che, virgola più virgola meno, solo i progettisti sono diversi, sostanzialmente e filosoficamente (urbanisticamente parlando) e' lo stesso progetto presentato dall'Amministrazione Di Ruscio; progetto questo su cui nel 2010 il circolo PD di Lido , ovviamente contrario, così si esprimeva: "...la politica urbanistica deve rispondere ai bisogni del territorio, non agli interessi di pochissimi privati...". Vuoi vedere che se un progetto e' presentato dal centrodestra e' perché si vuole favorire la speculazione edilizia mentre se lo stesso progetto e' presentato dal centrosinistra e' perché si vuole il bene della comunità?”
Rastelli che aggiunge: “A parte questa bizzarria sconcertare maggiormente sono le affermazioni fatte a chiusura della presentazione così come riportate dalla stampa: "la soluzione, che potrebbe essere condivisa dalle parti private ( giusto, prima si organizza il matrimonio poi si va alla ricerca di chi sposare!) consentirebbe inoltre l'innesco di una positiva reazione a catena che andrebbe a risolvere anche l'altra spinosa questione urbanistica di via Respighi, trattandosi di immobile della stessa proprietà". Nessun commento, solo una domanda: il PD si rende conto di ciò che è stato detto?”

Data inserimento: 2015-05-19 16:41:56

Data ultima modifica: 2015-05-21 11:01:05

Scritto da: Redazione