Viozzi di Assocommercianti attacca l’amministrazione fermana: “Stanno ancora festeggiando la vittoria”. L’assessore Torresi replica: “Se avesse partecipato, avrebbe avuto le risposte"

Progetto di riqualificazione ex Mercato coperto ad uso commerciale , Mercato settimanale del sabato, riscossione dei tributi (in città appannaggio di Equitalia – Ica - Aipa) con costi enormi per i cittadini, accoglienza turistica fiore all'occhiello di molte città vicine, arredo urbano, Casina delle Rose, piano di spiaggia. Questi alcuni problemi che l’Associazione Commercianti di Fermo e Circondario pone all’attenzione dell’amministrazione comunale che: “Invece di mettere mano agli stessi dopo mesi sta ancora festeggiando la vittoria elettorale e non ha nessuna intenzione di confrontarsi e risolvere problemi che sono sotto gli occhi tutti”. Inizia così l’intervento di Ennio Viozzi di Assocommercianti Fermo.

“Abbiamo preso atto – scrive Viozzi - che l’assessorato e l’amministrazione hanno ‘benedetto’ l’apertura di nuovi centri sociali (Fermo oramai ne ha più di Milano), il proliferare di sagre (nonostante il sindaco scriveva nel suo programma che si impegnava ad elaborare immediatamente un regolamento in merito), l’autorizzazione a un agricoltore per vendere frutta in Piazzale Azzolino nei mesi di luglio e agosto (concorrenza sleale verso le attività del centro che pagano migliaia di euro solo di Tari, e con la scomparsa di venti posti auto), per non parlare del mercato settimanale estivo a Lido di Fermo dove si poteva ammirare da una parte della strada decine di ambulanti che pagano regolarmente quanto dovuto e dall'altra decine di abusivi che vendevano merce simile”. La nota di Assocommercianti si chiude con un avviso ai propri iscritti e ai cittadini: “La nostra Associazione non è stata mai messa a conoscenza delle scelte sopra citate che non condivide assolutamente: pertanto si dissocia dalle stesse e visto come sono andate le cose fino ad oggi per il momento non intende avere rapporti con questa amministrazione” .

A replicare è stato l’assessore al Commercio Mauro Torresi:“Ad onor del vero aspettavo Viozzi alla riunione che abbiamo fatto lunedi’ scorso presenti i vertici del CTS Fermo ( Giacomozzi B. e Capriotti V.) che comprende le maggiori associazioni di categoria dei commercianti. Unico assente ingiustificato proprio Viozzi che non ha cosi condiviso il buon risultato della programmazione estiva e il riconoscimento di un nuovo clima di entusiasmo tra i cittadini fermani . Un clima positivo che si sente anche in campo commerciale tanto che ho ricevuto quattro telefonate di interessamento per l’apertura di nuove attivita’ in piazza” .
Torresi che aggiunge: “Se Viozzi avesse partecipato, avrebbe avuto le risposte e addirittura gia’ le soluzioni a molte delle sue interrogazioni. D’altro canto non ha potuto mettere in campo alcune richieste come hanno fatto le altre associazioni. La collaborazione si instaura tra le parti non e’ a senso unico e voler arroccarsi su posizioni univoche a differenza delle altri associazioni presenti e assolutamente collaborative e’ del tutto fuori luogo come lo e’ alzare la voce e urlare prima di parlare.Non sapevamo dove fosse finito Viozzi ed eravamo preoccupati ma il comunicato ci ha tranquillizzati e ci fa ben sperare per una collaborazione futura a cui l’amministrazione e’ ampiamente disponibile”.

Data inserimento: 2015-09-03 09:24:27

Data ultima modifica: 2015-09-04 16:48:44

Scritto da: Redazione