Riconversione dell’Ospedale di Montegiorgio in Casa della salute e presidio di cure intermedie con 20 posti letto di degenza. Il consigliere Nerla chiede chiarimenti in consiglio comunale

Il capogruppo consiliare di Montegiorgio in Movimento Giuliana Nerla vuole vederci chiaro su quello che sarà il futuro dell'ospedale di Montegiorgio. E’ del 13 novembre scorso infatti la notizia di un improvviso trasferimento dei ricoverati dell’Ospedale di Montegiorgio presso quello di Fermo e le RSA dell’Area Vasta 4. “Un fatto – spiega il consigliere Nerla - che ha messo in allarme la cittadinanza giustamente preoccupata per il futuro della nostra struttura ospedaliera; abbiamo poi appreso dalla stampa che ciò è funzionale all’inizio del lavori per la riqualificazione della struttura in Casa della salute, secondo quanto condiviso in un sopralluogo congiunto dal Sindaco Benedetti e dal Direttore dell’Area Vasta 4 Dott. Livini”.

Da qui il capogruppo di Montegiorgio in Movimento spiega: “Ci siamo allora sentiti in dovere di informarci ed informare la cittadinanza su tale riconversione, ed è per questo che abbiamo organizzato l’incontro pubblico svoltosi il 5 novembre con i vertici dell’Area Vasta 4. Tale iniziativa ha avuto un grande valore perché nei momenti delicati sono necessarie azioni che dimostrino l’interessamento del territorio e l’attaccamento ai suoi servizi sanitari. Durante tale incontro siamo stati rassicurati sul mantenimento di tali servizi a Montegiorgio, pur essendo in programma la riconversione dell’Ospedale in Casa della salute e presidio di cure intermedie con 20 posti letto di degenza”.

Da qui l'interrogazione presentata in consiglio comunale nella quale si chiede: “Di conoscere nel dettaglio quanto condiviso nel sopralluogo congiunto, al fine di evitare sorprese per la cittadinanza come quella che l’ha messa in allarme il 13 novembre, e soprattutto al fine dell’effettivo mantenimento dei servizi sanitari a Montegiorgio. Si chiede risposta scritta e idonea discussione pubblica in sede consiliare. Stante l’urgenza e la delicatezza dell’argomento si chiede la convocazione del consiglio comunale, per discutere tale interrogazione, nel più breve tempo possibile”.

Data inserimento: 2015-11-18 11:36:03

Data ultima modifica: 2015-11-19 11:58:03

Scritto da: Redazione