Tariffa sui rifiuti. Fermo la più economica d'Italia. Parola de Il Sole 24 Ore. LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE

Dopo la 'classifica' di gradimento da parte dei sindaci delle province italiane, che vedeva Paolo Calcinaro al terzo posto, è ancora il primo quotidiano economico d'Italia a decretare un altro record, in positivo per Fermo. E' il comune con la tariffa rifiuti più bassa d'Italia.

“Secondo lo studio di Confcommercio – si legge nell'articolo de Il Sole 24 ore - il 70% dei capoluoghi italiani nel 2015 ha effettuato una spesa complessiva per il servizio di gestione dei rifiuti superiore ai propri fabbisogni e associata con livelli di servizio e prestazioni inferiori. Il valore economico di questa inefficienza, ossia la differenza tra ciò che i comuni presi in esame hanno speso e quello che avrebbero potuto spendere, è stata di 1,3 miliardi di extra costo complessivo (pari al 14%). Dai dati risulta che il capoluogo con lo scostamento maggiore è Brindisi con + 97,54%, mentre è Fermo, nelle Marche a detenere lo scettro di capoluogo più virtuoso con -52,08%”.
Sole 24 Ore che specifica: “A Brindisi infatti la spesa per la Tari per abitante ammonta a 308 euro, mentre a Fermo è di 86 euro. Tra i Comuni con il balzello più salato ci sono anche Venezia (289 euro), Salerno (255 euro), Benevento (235 euro) e Siena (221 euro)”.

“Un risultato importante - ha commentato il Sindaco Calcinaro relativamente al dato di Fermo - che ha i suoi risvolti provenienti da una passata impostazione e che ha segnato un ulteriore passo dopo appena un mese dall’insediamento di questa Amministrazione Comunale, quando abbiamo deciso di ridurre alcune tariffe proprio alle attività di ristorazione, commercio e alimentari con tagli di oltre il 10%.

Questo dato – ha aggiunto - è un punto di partenza visto che siamo impegnati sul fronte della modernizzazione del sistema di raccolta, anche con un’azione di responsabilizzazione dei cittadini, tramite le isole ecologiche elettroniche che sempre più verranno installate sul territorio comunale. L’obiettivo è quello di arrivare nel giro di poco tempo ad una premialità nella tassazione per chi diversifica di più e meglio”.

LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE

Data inserimento: 2016-02-04 09:57:21

Data ultima modifica: 2016-02-05 10:45:50

Scritto da: Redazione