Turismo, sanità e collaborazione con i comuni vicini: le sfide per il neo sindaco di Petritoli

Ancora emozionato, Luca Pezzani parla degli obiettivi vicini e lontani della giunta che si appresta a nominare in linea di continuità con il passato ma anche con i volti nuovi premiati dalle urne

Con 957 voti e il 64,88% di preferenze ricevute, Luca Pezzani è diventato da stanotte il nuovo sindaco di Petritoli. Al trentanovenne neo primo cittadino, spetta quindi raccogliere il testimone della Giunta precedente guidata da Luca Tomassini che lascia la poltrona di primo cittadino dopo due mandati. L'elezione di Pezzani segna una linea di continuità rispetto al passato, che però non ha impedito alla lista civica che lo sosteneva (Insieme per Petritoli) di portare all'interno del consiglio comunale anche volti nuovi. "Gli otto/undicesimi della nostra lista sono neoeletti: la loro età media è di 38-40 anni, ma c'è anche una ventiduenne", precisa Pezzani, entusiasta e forse anche un po' emozionato per la vittoria. "Ci prendiamo adesso un paio di giorni di tempo per formare la squadra: ci aspetta un lavoro impegnativo - prosegue il neo primo cittadino - ma siamo contenti del riconoscimento dato dagli elettori anche ad alcuni consiglieri della vecchia amministrazione che sono stati rieletti".

Tre le azioni da mettere in cantiere da subito: "Stiamo per aprire il nuovo piano della Casa di riposo che ci permetterà di ospitare fino a 50 anziani", aggiunge Pezzani, "entro l'estate, poi, dobbiamo terminare la sistemazione dell'isola ecologica ed entro settembre, infine, utilizzeremo lo stanziamento di un milione di euro ricevuto dalla Regione per ristrutturare il nostro plesso scolastico in linea con la normativa antisismica".

Oltre ai tre interventi già programmati dalla giunta Tomassini, Pezzani parla di "un calendario da stilare anche per il medio e il lungo termine".

Tra i settori meritevoli di un più coraggioso investimento, per il neosindaco c'è sicuramente il turismo, considerando che Petritoli è diventata "meta anche di molti stranieri". Pezzani parla quindi di maggiore "valorizzazione e pubblicizzazione" del territorio che si appresta ad amministrare.

"Sempre che il governo centrale non ci ostacoli nelle nostre iniziative", aggiunge con velata critica, che tuttavia non gli impedisce di accennare alla necessità di una collaborazione con i comuni limitrofi soprattutto nel "turismo e nella sanità" e di immaginare, in un futuro ancora più lontano, "l'associazionismo tra comuni".

Data inserimento: 2016-06-06 15:53:45

Data ultima modifica: 2016-06-07 08:19:04

Scritto da: Alessandra Cicalini