Insufficienti i posti per docenti e personale Ata. A rischio l'attività didattica per il nuovo anno scolastico

La denuncia di Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola e Snals Confsal, che chiedono un adeguamento del numero complessivo

Le segreterie regionali di Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola e Snals Confsal denunciano la gravissima carenza di organico docente ed Ata delle scuole delle Marche che rischia di compromettere l'ordinaria attività didattica per il prossimo anno scolastico 2016/2017.

 

Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola e Snals Confsal avevano espresso già forte preoccupazione lo scorso 9 luglio segnalando la mancanza di docenti e personale Ata, per un totale complessivo, di circa 1.400 posti.

 

In realtà la scorsa settimana sono stati assegnati, dal Ministero della Pubblica istruzione alle Marche, solo 992 unità di personale docente. Secondo i sindacati i posti assegnati sono assolutamente insufficienti a coprire il fabbisogno delle scuole di ordine e grado e mettendo a rischio il regolare avvio dell'anno scolastico e il funzionamento degli istituti.

 

Le segreterie regionali di Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola e Snals Confsal ribadiscono che se non verranno assegnati ulteriori posti alle Marche i tagli da fare saranno drammatici e avranno ripercussioni inevitabili sugli studenti e le loro famiglie e chiedono alla Direzione Scolastica Regionale e al Presidente e Assessore alla pubblica istruzione della Regione di impegnarsi con forza presso il Ministero della Pubblica Istruzione affinché venga adeguato il numero dei docenti e del personale Ata affinché sia garantito, nelle Marche, un regolare avvio di anno scolastico.

Data inserimento: 2016-08-02 14:28:07

Data ultima modifica: 2016-08-03 17:11:36

Scritto da: Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola e Snals Confsal