Porto San Giorgio. Slow Food porta in tavola l'AMATRICIANA SOLIDALE

"In tutto il mondo, attraverso questo piatto simbolo della storia gastronomica di Amatrice, speriamo di poter diffondere anche i valori di solidarietà e condivisione propri della cultura contadina da cui nasce". Con queste parole, Carlo Petrini, presidente di Terra Madre e Slow Food, avvia una campagna di solidarietà per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto e pensare già da oggi al loro futuro. 

Dopo la gravissima calamità che ha colpito le aree appenniniche centrali italiane, ci sentiamo tutti chiamati all'impegno per sostenere le comunità territoriali del nostro Paese, per questo Slow  Food vuole contribuire impedendo di cancellare intere identità culturali, partecipando all'iniziativa #unfuturoperamatrice lanciata dal Presidente Slow Food Carlo Petrini, che chiede il coinvolgimento di tutti gli osti, ristoratori, pizzaioli d'Italia e del Mondo.

La Condotta Slow Food del Fermano, in collaborazione con l'ASD Nautica Picena, ha organizzato una cena raccolta fondi che porta il nome di "AMATRICIANA SOLIDALE". L'appuntamento è fissato per sabato 3 settembre alle ore 20, presso i locali dell' Associazione Nautica di Porto San Giorgio, Lungomare Gramsci nord.
I cuochi prepareranno il tipico piatto di Amatrice utilizzando prodotti del nostro territorio come il guanciale e lo strutto del salumificio Passamonti, il pecorino di Gualdo (presidio Slow Food) e la pasta Mancini di Monte San Pietrangeli.

L'intero ricavato dell'iniziativa verrà devoluto all'Associazione "Un futuro per Amatrice".
Il Costo è di 10 € e le prenotazioni possono essere fatte info@asnp.it oppure al numero 3385775479

Data inserimento: 2016-09-01 09:06:28

Data ultima modifica: 2016-09-02 12:10:16

Scritto da: Redazione