Caso Emmanuel. Mancini ottiene i domiciliari, ma il braccialetto ancora NON c'è. Le dichiarazioni dell'Avvocato

E' ufficiale. Ad Amedeo Mancini sono stati concessi gli arresti domiciliari. A confermarlo, ai microfoni di Radio Fermo Uno, lo stesso legale del 38enne fermano. "Sono stati concessi gli arresti domiciliari e di questo siamo ovviamente felici, purtroppo ancora l'operatività del provvedimento sembra legata al reperimento del braccialetto, speriamo questo avvenga nel giro di pochissimi giorni", dichiara l'avvocato Francesco De Minicis.

 

"Non sappiamo quando Amedeo tornerà a casa. Di braccialetti ce ne sono 2mila in Italia, ma ci dovrebbe essere un discreto turnover. Quindi, possibile che arrivi presto. C'è stata anche una presa di posizione di alcuni parlamentari, dunque pare che in arrivo ci sia un provvedimento per ampliare il numero dei braccialetti, perché la cosa non riguarda solo Amedeo, ma forse decine di detenuti in attesa di giudizio in Italia che non possono andare a casa perché lo Stato non è in grado di fare quello che dovrebbe fare. Burocrazia italiaca, ma speriamo la cosa si sblocchi al più presto".

Dunque è certo. Mancini, accusato di omicidio per  la morte di Emmanuel Chidi Namdi, avvenuta il 5 luglio scorso a Fermo, ha avuto i domiciliari, come auspicato dai legali Piattoni e De Minicis lo scorso fine settimana, ma resta di sapere quando davvero potrà lasciare il carcere.

 

Data inserimento: 2016-09-12 11:31:31

Data ultima modifica: 2016-09-14 09:20:58

Scritto da: Redazione