Fermo capitale della formazione per arti MUS-E, arte per l'integrazione fra i bambini nelle scuole

Un collante che unisce i bambini, uno strumento che ne favorisce l’integrazione: l’arte. A proporsi questo obiettivo da sempre è Mus-e, progetto multiculturale europeo che favorisce l’integrazione fra i bambini italiani e stranieri nelle scuole dell’infanzia e primarie attraverso l’arte, nel suo senso più ampio, e laboratori multidisciplinari, nato da un’idea di Yehudi Menuhin, uno dei più grandi violinisti del XX secolo.

Per formare gli artisti che fanno parte della rete, Mus-e Italia ha deciso di tenere a Fermo dal 2 al 4 dicembre prossimi il 12° incontro nazionale (PROGRAMMA ALLEGATO), cui parteciperà il Presidente nazionale Alessandro Garrone, che vedrà confluire in città da tutta Italia artisti, docenti, formatori. Una tre giorni con laboratori per addetti ai lavori ma anche con seminari aperti ad insegnati, famiglie e al mondo della scuola, come quello di sabato 3 dicembre dalla ore 21.30 in Piazzale Sagrini. 

A coordinare l’evento Mus-e del Fermano onlus, presieduto da Enrico Paniccià che nel corso della presentazione ha detto: “nonostante le difficoltà dovute ai sismi, abbiamo voluto affermare che ci siamo, che teniamo alle finalità che questo progetto ha in sé, perché vogliamo che chi dovrà poi integrare con l’arte sia formato bene”.

“Ci siamo riusciti a portare la formazione a Fermo, ci lavoriamo da giugno, questo sta anche a significare che Mus-e del Fermano si è ricavato uno spazio significativo. Con questo incontro faremo conoscere la città – ha aggiunto Carlo Pagliacci, responsabile comunicazione Mus-e.

“Credo molto negli obiettivi di Mus-e e nonostante tutto siamo riusciti a trovare spazi alternativi pur di garantire lo svolgimento dell’incontro nazionale perché per questo tipo di progetti è bene dare il massimo impegno” – ha detto l’assessore alla cultura Francesco Trasatti.

Vista l’indisponibilità per inagibilità dell’auditorium San Martino, dove avrebbe dovuto tenersi inizialmente, la tre giorni si farà fra Piazzale Sagrini, Sala Rita Levi Montalcini (grazie alla Fondazione Sagrini ed a Filippo Ercoli  - ha detto Carlo Pagliacci) ed il Conservatorio Pergolesi.

Siamo felici di collaborare perché è un progetto che funziona e che darà ottimi frutti” -  ha aggiunto il Direttore del Conservatorio Massimo Mazzoni.

 

MUS-E ITALIA

Mus-e (Musique Europe) è un progetto multiculturale europeo (a Bruxelles ha sede la Fondazione Internazionale Yehudi Menuhin di cui Mus-e è diretta emanazione), dedicato alle scuole dell'infanzia e primarie con elevata presenza di bambini immigrati o provenienti da difficili situazioni socio-familiari che si propone di contrastare, attraverso esperienze artistiche, l'emarginazione e il disagio partendo dalla vita a scuola. I laboratori Mus-e sono offerti gratuitamente, prevedono incontri settimanali durante le ore curriculari nell'arco di tutto l'anno scolastico e si sviluppano in una stessa classe per la durata di tre anni.

Gli strumenti principali di lavoro e coinvolgimento nei laboratori tenuti da artisti professionisti sono i diversi linguaggi artistici (musica, arti figurative, espressione corporea, teatro, mimo). Mus-e Italia sostiene la nascita di nuove sedi locali coordinandone il lavoro progettuale, organizzativo e artistico e promuove incontri nazionali e internazionali con gli altri Paesi Mus-e. Dalla data di fondazione della sede italiana, nel 1999, il progetto ha registrato un notevole sviluppo su tutto il territorio nazionale con il coinvolgimento, ogni anno, di 130 scuole, circa 12.000 alunni e 180 artisti professionisti.

Data inserimento: 2016-11-30 10:31:42

Data ultima modifica: 2016-12-01 12:34:13

Scritto da: Redazione