Crolli all'ospedale di Amandola, due persone iscritte nel registro degli indagati

Le indagini della Procura di Ascoli Piceno sui danni riportati dall'ospedale di Amandola in seguito alle recenti scosse di terremoto hanno portato all'inserimento di due persone nel registro degli indagati.

Si tratta del titolare di una ditta della Provincia di Napoli e di un progettista fermano, cui la Procura contesta i reati di disastro colposo e frode in pubbliche forniture.

Sotto la lente di ingrandimento del sostituto procuratore Umberto Monti, che guida le indagini, sono finiti i lavori recentemente eseguiti all'ospedale, che non hanno però evitato il crollo delle tamponature del corpo F, dove si trova il pronto soccorso.

Oltre a questo, all'attenzione della Procura ci sono anche le modalità di esecuzione dei lavori e la verifica dell'eventuale mancato rispetto delle procedure antisismiche varate dopo il terremoto che colpì Marche ed Umbria nel 1997.

Data inserimento: 2017-01-05 17:49:39

Data ultima modifica: 2017-01-06 19:00:55

Scritto da: Redazione