Il Gruppo Civico Sangiorgese non ci sta: "Per noi il valore aggiunto della città sono i turisti, non gli immigrati"

Dopo una serie infinita di botta e risposta innescata dal loro comunicato in cui veniva proposta la chiusura dello SPRAR, il Gruppo Civico Sangiorgese torna ad esprimersi sulla questione tramite le parole di Marco Ciferri, referente sulla sicurezza e l'urbanistica della lista di Moschini e Nicola.

"Noi del Gruppo Civico Sangiorgese desideriamo replicare alle critiche a noi mosse e ai deliri in esse contenuti provenienti dalla Sig.ra Baldassarri e dal Sig. Fulimeni - si legge nella nota -. Conosciamo bene la posizione della Baldassarri, da sempre molto ben disposta (quasi eccitata) verso chi entra illegalmente nel nostro paese, tanto che ricordiamo bene quando dichiarò pubblicamente che gli stessi costituiscono una risorsa importante, un valore aggiunto per la città, mentre per noi sono i turisti ad essere il valore aggiunto per una città che vive esclusivamente di commercio e turismo.
I sangiorgesi sappiano quindi che, in caso di vittoria della sinistra, la città verrà popolata da immigrati, unici “turisti” a frequentare piazze e giardini.
Quanto al Sig. Fulimeni, ci vediamo costretti a spiegargli che gli immigrati che entrano nel territorio nazionale si distinguono in regolari ed irregolari e che chi entra irregolarmente dentro ai confini dello stato va considerato, ai sensi della vigente normativa, un clandestino che commette il reato di immigrazione clandestina. Spiegato questo semplice concetto, ribadiamo che proporremo al futuro sindaco Agostini la chiusura dello Sprar, che dovrà avvenire nei tempi e nei modi richiesti dalla legge. Siamo inoltre pronti ad appoggiare qualsiasi iniziativa a favore dei cittadini italiani indigenti". 

Data inserimento: 2017-04-05 17:30:15

Data ultima modifica: 2017-04-06 09:22:30

Scritto da: Redazione