Porto Sant'Elpidio. Gaetano Pieroni è il nuovo Presidente del direttivo zonale

Lo scorso giovedì 6 aprile nella sede CNA di Villa Baruchello si è svolta l’assemblea elettiva del direttivo zonale di Porto Sant’Elpidio.

Il nuovo presidente è Gaetano Pieroni, imprenditore del settore impianti, che sarà affiancato dal direttivo i cui componenti sono: Jessica Mandozzi, Daniela Carbelli, Francesca Faggio, Michela Abdel, Cinzia Romagnoli, Ilenia Tosoni, Riccardo Donati, Marco Antonelli, Giuseppe Del Frate, Mauro Bettoni, Massi Massimo, Mirco Peretti, Riccardo Politi, Tiziano Flamini.
Lotta all’abusivismo, organizzazione di iniziative sul territorio, corsi di formazione specifici e mirati per andare incontro alle esigenze delle categorie: ecco i primi obiettivi che si è dato il nuovo direttivo, nella consapevolezza di voler lavorare per rappresentare al meglio i tanti settori produttivi di Porto Sant’Elpidio.
“Dall’agroalimentare all’impiantistica, dal benessere alla cura della persona fino alla grafica e ai servizi: la composizione del direttivo – spiega Gaetano Pieroni – è variegata e punta a rappresentare le categorie e i mestieri presenti a Porto Sant’Elpidio. Ci metteremo al lavoro sin da subito, tra le priorità c’è anche dare spazio nelle grandi iniziative organizzate in città agli artigiani e al loro saper fare, a questo uniremo l’organizzazione di corsi”.
In apertura di assemblea il Direttore Generale Alessandro Migliore ha ricordato il ruolo dei direttivi zonali all’interno del sistema CNA, per radicalizzare la presenza dell’associazione sul territorio comunale, essere punto di riferimento e garantire risposte alle imprese. Presente anche l’Assessore alle Attività Produttive di Porto Sant’Elpidio Monica Leoni che ha sottolineato la collaborazione con il direttivo precedente, con l’augurio di avere ancora spunti di riflessione e proposte dal nuovo gruppo di lavoro.
A livello locale la CNA, grazie al lavoro del precedente direttivo zonale, aveva lanciato la proposta, poi accolta in Consiglio Comunale, relativa allo spacchettamento degli appalti pubblici al fine di garantire lavoro alle aziende locali, oltre ad aver costituito la rete di imprese “Costruzioni Generali”, settore edile e impiantistico.

 

Data inserimento: 2017-04-11 16:20:10

Data ultima modifica: 2017-04-12 11:57:34

Scritto da: Redazione