Assegnato al Senato della Repubblica il Premio nazionale Umberto Zanotti Bianco. Intervenuto anche il Consigliere nazionale di Italia Nostra Elvezio Serena

Elvezio Serena, consigliere nazionale di Italia Nostra, nonché socio fondatore e presidente per 20 anni della sezione di Fermo, è intervenuto venerdì scorso a Roma alla cerimonia di consegna del Premio nazionale Umberto Zanotti Bianco, uno tra i fondatori di Italia Nostra nel 1955 e suo primo presidente.

L'iniziativa si è svolta al Senato della Repubblica, nella splendida cornice della Sala Zuccari a palazzo Giustiniani.
Dopo il saluto del Presidente nazionale di Italia Nostra Oreste Rutigliano, sono intervenuti Vittorio Emiliani, scrittore, saggista, giornalista, e Nicola Caracciolo, presidente onorario dell'Associazione, che hanno ricordato la figura e l'opera di Umberto Zanotti Bianco.

 

Il prestigioso riconoscimento è destinato, con cadenza biennale, a un funzionario pubblico che si è distinto per la sua attività nell'ambito della difesa del patrimonio storico, artistico, naturale e paesaggistico del nostro Paese, nel rispetto e nell'applicazione delle leggi di tutela, dall'art. 9 della Costituzione al Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.

 

Di seguito i premiati, che hanno ricevuto un'opera realizzata dal maestro orafo Michele Affidato di Crotone: Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco (nella persona del Capo dipartimento, prefetto Bruno Frattasi), Margherita Eichberg (architetto, dirigente MiBACT), Anna Marson (docente ordinaria di pianificazione territoriale IUAV di Venezia), Carlo Tansi (geologo, direttore Protezione civile della Calabria).
Menzioni speciali sono state riconosciute ad Angelo Cambiano (ex sindaco di Licata) per l'intraprendenza e il coraggio nella lotta all'abusivismo edilizio e, ad memoriam, a Renzo Segalla (già ingegnere capo del comune di Bolzano).

 

L'apposita Giuria del Premio, composta dalla coordinatrice Teresa Liguori, da Alessandra Mottola Molfino (ex presidente nazionale di Italia Nostra) e dallo stesso Elvezio Serena, ha esaminato con scrupolo le varie proposte che il Consiglio nazionale dell'Associazione ha poi condiviso e approvato.
L'idea, molto apprezzata, di premiare il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, è stata avanzata dallo stesso Elvezio Serena, che nel gennaio scorso ha documentato alcuni interventi di grande valore tecnico-scientifico e di tutela su monumenti (chiese, palazzi, campanili, torri, portali, ecc.) nella Provincia di Fermo a seguito del grave terremoto.


Impegno, grande competenza, spirito di sacrificio, senso del dovere, tutto rivolto senza sosta alla salvaguardia delle vite umane e del patrimonio storico-artistico-naturale del Paese: sono queste le principali motivazioni che Serena ha esposto di fronte a diverse autorità e a un numeroso pubblico proveniente da varie parti d'Italia, oltre che dalla capitale.

 

Elvezio_Serena_Frattasi

Data inserimento: 2017-12-04 10:02:42

Data ultima modifica: 2017-12-04 15:27:46

Scritto da: Redazione