Altidona. Attore, ventriloquo e burattinaio. Sabato sera Dante Cigarini porta il suo Puppet Show al Teatro Comunale

Sabato 16 dicembre alle ore 21, presso il Teatro di Altidona, all'interno del cartellone degli eventi "Natale in Famiglia" proposto dall'Amministrazione Comunale, andrà in scena lo spettacolo teatrale "Cigarini Puppet Show". Ingresso gratuito.

Una buffa galleria di pupazzi parlanti cantano, ballano e raccontano le loro storie bislacche. Continue provocazioni coinvolgono i bambini e i loro genitori, che ben volentieri diventano protagonisti, moltiplicando così i personaggi di un gioco teatrale incalzante, divertente, a tratti poetico.

Obiettivo dell'artista è mostrare ai bambini e alle loro famiglie l'antica arte del ventriloquismo attraverso la magica alchimia di uno spettacolo coinvolgente e interattivo, in grado di fare ridere e sognare il pubblico di ogni età.


Dante Cigarini è attore, ventriloquo e burattinaio. Da oltre trent'anni produce e realizza spettacoli per grandi e piccini sviluppando un cammino di incontro e fusione tra Teatro di figura e ventriloquismo.
E' stato ospite con i suoi spettacoli di importanti trasmissioni televisive su Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Mediaset. 
Collabora con le selezioni nazionali dello Zecchino d'Oro. Alterna alle produzioni teatrali la conduzione di Corsi di Formazione sull'arte del ventriloquismo. E' autore di libri e pubblicazioni: "Ventriloquo si diventa" (Giochi di magia editore), "La valigia delle meraviglie" (Elledici) Pierin Fagiolo (Creativ) Francigena (P.G.BO.) "Ventriloquismo e Pupazzi Animati" (TROLL VIDEO), Mondo Troll OnLine.


Da una sua intervista:
"Ho cominciato come cabarettista e poi, quasi per caso, mi sono ritrovato cantante. Attualmente sono attore, burattinaio e ventriloquo. Tra una cosa e l'altra ho fatto lo scrittore, il prestigiatore, il cantastorie, lo zampognaro e il conduttore televisivo. Sempre meglio che lavorare! All'età di diciassette anni ho conosciuto un comico. Mi disse che quello del comico è il mestiere più bello del mondo e aveva ragione. Mi disse che i comici hanno tanti ammiratori, sostenitori, conoscenti e parenti, ma di solito non hanno amici. Anche in questo aveva ragione. Poi ho conosciuto un burattinaio. Mi ha insegnato che il pupazzo è una maschera, un'estensione del braccio, una parte del burattinaio stesso, un'entità vivente con i suoi pregi e i suoi difetti. Grazie ai pupazzi ho vinto un po' della mia timidezza. A volte i miei pupazzi dicono cose che mi fanno arrossire. Di solito lascio decidere agli altri se sto lavorando o giocando. Mi piace pensare di fare entrambe le cose insieme".


Non mancate, l'ingresso è gratuito.

Data inserimento: 2017-12-13 10:17:13

Data ultima modifica: 2017-12-13 18:28:30

Scritto da: Redazione