Terremoto: per le Marche stanziato un miliardo e 231 milioni di euro

Nell'ambito della ricostruzione post sisma stanziato più di un miliardo di euro da dividere in base alle aree territoriali colpite dal sisma.

Il punto della situazione sul sisma è stato fatto questo pomeriggio a Pieve Torina nel corso della conferenza stampa seguita alla Cabina di regia presieduta dalla Commissaria Straordinaria per la ricostruzione post sisma alla quale era presente anche il presidente della Regione Marche.

Centoventi scuole finanziate oltre a tutte le strutture sanitarie, caserme e alloggi popolari danneggiati dal sisma.

L'attività è distribuita sull'intero territorio e la provincia di Macerata che risulta essere la piu colpita avrà la quota più significativa per un importo pari a 608 milioni.
In via di conclusione anche gli ultimi sopralluoghi per quanto riguarda le schede mancanti.

Oltre 105mila quelli richiesti e oltre 103 mila quelli effettuati.

Per quanto riguarda la ricostruzione privata sono 1440 i progetti presentati e 28 milioni di euro le risorse già assegnate. Gli altri impegni che riguardano la ricostruzione sono rivolti al ripristino delle attivita economiche, ai centri commerciali e le ordinanze dedicate per un valore di circa 10 milioni di euro. A queste si aggiungono le ulteriori opere che non passano attraverso la contabilità regionale. Anche il meccanismo della delocalizzazione ha gia ricevuto circa 4 milioni di euro di contributo. Altrettanto importante la voce personale: 377 le assunzioni già effettuate dai Comuni per personale che lavora nella ricostruzione più 125 unita' della struttura regionale. Al quadro di risorse forte si aggiunge l'ordinanza 49 che parla di velocizzazione per la ricostruzione leggera e pesante e risponde alle difficoltà emerse dopo il primo anno. Questo provvedimento permette di far sì che le risorse si possano trasformare al più presto in realizzazioni.
A seguire la consegna delle 28 casette a Pieve Torina, che diventa così il 14° Comune con sae realizzate al 100%.

Data inserimento: 2018-01-18 17:07:04

Data ultima modifica: 2018-01-19 18:34:01

Scritto da: Redazione