Fermo. Domenica 11 al Teatro dell'Aquila in scena il concerto "Espana e Romancero Gitano"

Domenica 11 alle ore 17 il concerto sarà al Teatro dell’Aquila e vedrà l’esecuzione di un programma articolato e di grande suggestione. 

Prevede infatti, nella prima parte, un recital solistico del grande chitarrista Claudio Marcotulli con un programma interamente dedicato alla Spagna. Verranno eseguite alcune delle più travolgenti composizioni quali le “Campanas del alba” di Sainz de la Maza, Sevillana di Turina, Invocation ed danse di Rodrigo per concludere con una raffica di straordinari e coinvolgenti pagine di Albeniz, da Granada ad Asturias al Capriccio Catalano e Sevilla.

Nella seconda parte, in programma “Romancero  Gitano”, opera di grande potenza espressiva, per chitarra solista e coro, composta da Mario Castelnuovo Tedesco su versi di Federico García Lorca.

Ad eseguire questa splendida pagina musicale nel 50° anniversario della morte del compositore, sarà un chitarrista di rango superiore qual è Claudio Marcotulli insieme al Coro del Teatro Ventidio Basso con solisti S.Ottaviani, V.Shytsko,R.Sollazzo, C.Bonelli, N.La Farciola, N.Pelusi, diretti da Giovanni Farina.

Compositore raffinato, Castelnuovo Tedesco è uno dei più grandi musicisti italiani del ‘900 e la chitarra è lo strumento a cui affida il compito di tradurre melodicamente, armonicamente e ritmicamente il “Romancero gitano” di García Lorca in una  straordinaria, intima corrispondenza tra musica e parola.

Impostosi all’attenzione della critica internazionale con la vittoria al concorso Francisco Tarrega in Spagna, Claudio Marcotulli svolge un’intensa attività concertistica con tournées in tutto il mondo, dai recital solistici, alla musica da camera, ai concerti per chitarra e orchestra sotto la direzione di grandi maestri.

Data inserimento: 2018-03-09 09:13:10

Data ultima modifica: 2018-03-09 18:37:33

Scritto da: Redazione