Warning: scandir(/var/www/vhosts/informazione.tv/httpdocs/img/public/uberto/sallA_/): failed to open dir: No such file or directory in /home/radiofermo_user/ftp/radiof1.it/informazione.tv/app/controllers/Stampa.php on line 58

Warning: scandir(): (errno 2): No such file or directory in /home/radiofermo_user/ftp/radiof1.it/informazione.tv/app/controllers/Stampa.php on line 58

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/radiofermo_user/ftp/radiof1.it/informazione.tv/app/controllers/Stampa.php on line 59
Fermana F.C.: con la FeralpiSalò finisce in parità. Ferrante impatta il gol di Rocca. 1 a 1 il finale. Stavolta i canarini avrebbero meritato di più. Giovanili: un pari e 2 sconfitte

Gennari in Tribuna, Valentini in panchina: solo scelte tecniche? Avvio di gara dal ritmo compassato, gara blanda. La Fermana F.C. attende per ripartire veloce, ma i "Leoni del Garda" non sembrano volersi scoprire troppo, adottando un flemmatico possesso palla. Petrucci agisce sul versante mancino, mentre Misin è riportato su quello di destra, per lui naturale. A centrocampo, in ogni caso, i canarini sembrano aver ritrovato quell'aggressività smarrita nelle ultime gare e cercano spazi per ripartire e trovare da subito l'imbeccata giusta. Dopo una prima mezz'ora di netta marca locale arriva il vantaggio ospite. Per merito di Rocca, che al 26' aveva rilevato uno spento Dettori. La Fermana F.C. però è viva e sfiora il pari proprio nel finale di frazione. Ottenendolo in avvio di ripresa, grazie ad una fucilata di Ferrante scagliata dai 25 metri. Ripresa che la squadra canarina disputerà all'arma bianca, mettendo in luce gamba, idee e mentalità. Alla fine, non saranno comunque bastate per arrivare alla vittoria, ma oggi c'è da ritenersi - tutti - soddisfatti. Perchè se c'era una squadra che avrebbe meritato di conquistare l'intera posta, quella era proprio la Fermana F.C. Che dopo la pausa forzta di sabato prossimo, Mercoledì 4 Aprile recupererà la gara di Vicenza.

 

LE FORMAZIONI UFFICIALI:

 

FERMANA F.C. (4/3/1/2): Ginestra; Clemente, Comotto, Ferrante, Saporetti; Petrucci, Urbinati, Misin (34' st Grieco); Da Silva (25' st Maurizi); Lupoli (21' st Cremona), Cognigni (34' st Sansovini). A disposizione: Valentini, Capece, Favo, Equizi, Camilloni, Ciarmela, Salifu, Rossetti. All. Destro

 

FERALPISALO' (3/5/2): Caglioni; Legati, P. Marchi, Ranellucci; Parodi, Emerson, Dettori (26' Rocca, 12' st Staiti), Raffaello (25' st Magnino), Vitofrancesco; Guerra (12' st Ferretti), M. Marchi (25' st Ponce). A disposizione: Livieri, Loi, Marchetti, Turano, Bagadur, Arrighi, Martin. All. Toscano

 

Arbitro: Sig. Ricci di Firenze (Lenza/Della Croce)

 

Reti: 30' Rocca (FS), 5' st Ferrante (FFC)

 

Ammoniti: P. Marchi (FS), Capece (FFC, dalla panchina)

 

Angoli: 8 a 1 per la Fermana F.C.

 

Recuperi: 1° tempo 2'; 2° tempo 4'

 

Note: spettatori totali 1092 (444 abbonati), per un incasso totale pari ad euro 7.100,00. Presente in Tribuna l'ex calciatore della Fermana Vinicio Paris. Settore Ospiti con un drappello di sostenitori provenienti dalla Lombardia.

 

IL PRE GARA

Con il solo scopo di incitare la squadra, sabato mattina a Capodarco una rappresentanza della Curva Duomo ha incontrato tecnico e squadra. In vista di questo rush finale di stagione, hanno ribadito la loro vicinanza a tutto l’ambiente canarino e caldeggiato il massimo impegno. Ed a fine seduta Mister Destro, che ha anche diramato l’elenco convocati (24, out Sperotto causa infortunio e lo squalificato Manè), ha messo tutti in guardia: la FeralpiSalò è compagine tosta. Canarini tutti abili ed arruolati tranne Sperotto. L’ex Arezzo e Como alza bandiera bianca per un non meglio specificato “problema alla gamba”, come informano dalla società di Viale Trento, sottolineando che l’arto dello stesso giocatore è stato e sarà ulteriormente sottoposto a trattamenti ed esami strumentali. Pronto Saporetti, mentre appare scontato l'impiego di Da Silva dietro alla/alle punta/punte. Mister Destro con il dubbio portiere: Ginestra per Valentini? Corsi e ricorsi storici: canarini che non centrano il risultato pieno da ben sei turni (4 a 2 al Teramo, poi tre rovesci più due ics) e che faranno di tutto per conquistare tre punti fondamentali per lasciarsi definitivamente alle spalle le sabbie mobili della bassa classifica. Lombardi che con il nuovo tecnico sperano di trovare continuità nei risultati e comunque stabili in zona play off.

 

LA VISITA DEGLI ULTRAS.

Tre autovetture, a bordo delle quali una decina – o pochi di più – ultras canarini. L’accensione di un fumogeno trae tutti in inganno: contestazione? Assolutamente no. Solo voglia di incitare e dimostrare vicinanza a tecnico e squadra, in vista di questo finale di stagione che dovrebbe far attraccare – salvo clamorosissime tempeste – la nave gialloblù al porto della salvezza. Cosi’, il richiesto faccia a faccia con lo stesso tecnico gialloblù ed una rappresentanza della squadra si svolge nel reciproco rispetto, osservando sempre i giusti toni e nella civiltà assoluti. Un sano confronto voluto da chi, nel ribadire vicinanza, ha anche auspicato migliori prestazioni.

 

IMG-20180325-WA0034

 

LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO

Una bordata scagliata da 25 metri da un giocatore che nelle sue corde non ha - non dovrebbe avere, per lo meno - caratteristiche simili, una magia vera a propria di Ferrante, salva la Fermana F.C. da quella che sarebbe stata una sconfitta bugiarda che più bugiarda non sarebbe potuta essere. Alla fine i gialloblù escono con un punto minuscolo, ma dopo due sconfitte consecutive improtantissimo dal punto di vista del morale e del ritrovato feeling con un pubblico che è tornato a divertirsi e ad appassionarsi per la sua squadra. Un altro ko avrebbe prodotto effetti devastanti, sia sui ragazzi di Destro che sull'umore di un ambiente che tendeva - eufemismo - decisamente al nero. Il tempo di annotare che Petrucci è collocato sulla fascia sinistra con conseguente "ripristino" su quella opposta di Misin, che i canarini sfiorano il vantaggio. E' l'11': il furetto di Arquata "serpentina" e manda un mezzo un pallone col contagiri, sul quale Cognigni arriva con un attimo di ritardo. Al 17', nuova minaccia portata dalle parti di Caioni. Tambureggiante azione dei canarini, che sembrano sfruttare a dovere le fasce laterali (Clemente inesauribile), ma sotto misura manca sempre una lira per fare un milione. Un velleitario tentativo di Ederson (18'), precede di pochi minuti (23') l'occasionissima di Lupoli. Che si invola verso la porta ospite. Ove arriva con poca forza sulle gambe, tardando la piu' facile delle conclusioni e permettendo a Ranellucci di sbrigliare un'intricatissima matassa. Una mezz'ora scarsa, durante la quale si è proceduto a fiammate, quasi tutte di marca locale. Ed invece, succede che a passare sia la FeralpiSalò. Al 26' lo spento Dettori sarà avvicendato da Rocca. Il neo entrato, dopo un tentativo di Guerra terminato alto (29'), avrà sul match un impatto decisamente importante. Al 30' infatti, sarà abile a riprendere un assist di tacco di Vitofrancesco, eludere il diretto avversario e scaraventare il cuoio alle spalle dell'incolpevole Ginestra: 0 a 1. La Fermana F.C. non ci sta e riprende a protendersi in avanti, magari correndo il rischio di scoprirsi ai contropiede dei Leoni del Garda, e creare occasioni. Dapprima al 33', con il solito calcio franco di Da Silva (Caioni miracoleggia, deviando in corner con la punta delle dita); poi con Cognigni (40'), che raccoglie una sventagliata di Misin ma in extremis viene contrato in angolo. Il clou al 45': Comotto crede su un pallone dato perduto e lo offre a Da Silva. Il colpo di testa da sotto misura dell'attaccante canarino viene disinnescato da Caioni con un intervento strappa applausi.

 

IMG-20180325-WA0033

 

LA CRONACA DEL SECONDO TEMPO.

I canarini mordono il freno. Non ci stanno, non può terminare così. Sarebbe un'ingiustizia. E ripartono forte. Subito. E' il 1' quando Urbinati porge a Misin, il cui sinistro termina alto. Ed al 5', i gialloblù impattano. Punizione di Da Silva da distanza siderale e cuoio in mezzo all'area lombarda. La difesa respinge corto, raccoglie Ferrante che di destro manda sotto all'incrocio: 1 a 1. 8': Saporetti prova ad imitare il compagno di squadra e non ci riesce per poco. Ma il sigillo del centrale di Giulianova ha il merito di aprire ulteriormente una gara che ora - esclusivamente per merito di Clemente & c. - sale inevitabilmente di intensità, con la Feralpisalò che sembra aver accusato il colpo. 11': Caioni goffo su tiraccio di Da Silva. Ospiti che provano a guadagnare campo con M. Marchi (14', colpo di testa di poco alto su traversone di Vitofrancesco) e Raffaello, che al 25' tenta di "dipingere" la tela canarina cercando di colpire dalla distanza. Ripassare al prossimo giro. Perchè a crederci è solo la Fermana F.C.. Che dopo aver alzato i ritmi attacca alto ed è via via sempre più propositiva ed alla ricerca della vittoria. 28': Cremona - Cognigni, conclusione alta di poco fra gli urlacci di Toscano, furioso con i suoi per la banale perdita del pallone in uscita. Notando gli ospiti in netto calo, lenti e scarsamente dinamici, nel finale di contesa ed al fine di scardinare il pacchetto di retroguardia di Toscano, Destro tenta la carta del tridente Sansovini/Cremona/Maurizi, con Grieco assestato in cabina di regia. L'ultimo sussulto lo regalerà proprio il giovane ex Vis Pesaro, ma la sua conclusione sibilerà di un Amen al lato. Dopo 4' di recupero, Ricci di Firenze dice che può bastare così. E per i gialloblù arriva un punto. Avanti così, a piccoli passi, verso la salvezza. 

 

SETTORE GIOVANILE. WEEK END...MALUCCIO

Dopo il pari interno della Berretti, cui il Santarcangelo impone l' 1 a 1 (gol di Nepi), doppia sconfitta per le formazioni Giovanissimi (U15) ed Allievi Nazionali (U17), che in casa cedono il passo ai pari età della Juve Stabia. Nel dettaglio, la formazione di Scoponi perde per 0 a 1 e quella di Zazzetta per 1 a 4. 

Data inserimento: 2018-03-24 14:49:55

Data ultima modifica: 2018-03-26 19:51:18

Scritto da: Redazione Sport

Galleria