Crollo del tetto all'Iti, durissimi i sindacati del territorio: "Non è un Paese civile quello che fa rischiare la vita ai suoi figli che si recano a scuola"

"Questa mattina presso l'Istituto Tecnologico Montani di Fermo alle ore 7.20 è crollato il tetto di un’aula del triennio. Per pura casualità non si sono avute vittime tra gli studenti e il personale della scuola; se il fatto si fosse verificato solo 40 minuti dopo saremmo qui a piangere studenti, docenti e personale ATA".

Cgil, Cisl e Uil di Fermo, FLC CGIL, CISL Scuola, UIl Scuola di Ascoli Piceno e Fermo commentano quanto avvenuto questa mattina all'Iti Montani

"E’ l'ennesimo crollo di una scuola pubblica italiana, anzi di una scuola che ha reso famoso il territorio fermano per la sua tradizione storica - continuano le sigle sindacali -. Non si conoscono ancora le cause di questo crollo ma sembra assurdo che, dopo i tremendi sismi che hanno colpito la nostra zona, si possano verificare situazioni del genere. I controlli di agibilità effettuati nelle strutture scolastiche avrebbero dovuto evidenziare situazioni di potenziale pericolo, facendo risaltare in particolare quelli di crollo".


"Più volte, come organizzazioni sindacali, abbiamo denunciato la situazione disastrosa delle strutture pubbliche scolastiche italiane; nei prossimi giorni chiederemo nuovamente alle autorità responsabili le reali condizioni degli edifici scolastici della nostra regione e in che modo si vorranno orientare i necessari investimenti - scrivono i sindacati -. Occorre un piano di investimenti strutturali nella scuola pubblica e non procedere a riforme che da una parte vanno solo a colpire il personale e dall'altra parte ad operare in maniera propagandistica e di facciata. La scuola deve tornare a essere bene comune, come previsto dalla nostra Costituzione.

La magistratura faccia luce sulle responsabilità del crollo e noi, come organizzazioni sindacali, saremo pronti a intraprendere tutte le azioni necessarie. Non è un Paese civile quello che tollera morti sul lavoro e fa rischiare la vita ai suoi figli che si recano ogni giorno a scuola".

Data inserimento: 2018-05-14 16:09:55

Data ultima modifica: 2018-05-15 15:39:32

Scritto da: Redazione