Approvata legge sul bullismo e cyberbullismo. Mastrovincenzo: "Frutto di un lungo percorso di ascolto non solo per i ragazzi ma anche per le famiglie"

Il Consiglio regionale approva la legge "Disciplina degli interventi regionali di carattere educativo per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del bullismo, del cyberbullismo, del sexiting e della cyberpedofilia". 

La norma, che ha ottenuto il via libera con voto unanime, è il risultato di un lavoro di sintesi tra due proposte di legge. La prima presentata nel 2016 dal consigliere Luca Marconi (Udc), la seconda del 2017, di cui primo firmatario è il presidente Antonio Mastrovincenzo, sottoscritta dai consiglieri del Partito Democratico Minardi, Giacinti, Volpini, Urbinati, Micucci, Giancarli e da Busilacchi (Mdp).

«Le Marche sono tra le prime regioni in Italia a dotarsi di una legge specifica su questi temi – sostiene il presidente Mastrovincenzo –. Questo testo è il risultato di un lungo confronto, aperto e costruttivo, perché stiamo parlando di fenomeni estremamente complessi e in continua evoluzione. Abbiamo condiviso la proposta con l'Ordine degli psicologi, le associazioni, il Tribunale dei minori, i rappresentanti della Polizia Postale, dei servizi socio-sanitari e del mondo della scuola. La legge recepisce la normativa nazionale e prevede la predisposizione di un Piano triennale delle politiche integrate, con contributi importanti, 260 mila euro per il triennio 2018-2020, per i progetti formativi ed educativi».

Le norme prevedono anche l'istituzione di un Comitato con compiti di analisi e coordinamento e, nel mese di novembre, della "Giornata di educazione ai nuovi media". «Le azioni contenute nella legge – aggiunge Mastrovincenzo - aiuteranno non solo i ragazzi, ma anche le famiglie. Nel testo c'è una forte attenzione alle vittime, con strumenti per favorire le denunce, come il numero verde, e si incentiva il lavoro in rete con le scuole, le Università e il terzo settore».

 

Data inserimento: 2018-07-31 09:34:11

Data ultima modifica: 2018-08-01 11:54:45

Scritto da: Redazione