Porto Sant'Elpidio. Acque conformi, rientrano i divieti di balneazione. Franchellucci: "Situazione temporanea causata dai temporali del weekend"

In riferimento alle polemiche sui divieti di balneazione, come preannunciato dal sindaco Nazareno Franchellucci, le ultime analisi hanno dimostrato che le acque di Porto Sant'Elpidio sono tornate conformi, ad eccezione della foce del Tenna, e che il problema della balneabilità era solo una questione temporanea legata strettamente al maltempo straordinario dei giorni scorsi.

“I punti dove vengono fatti i prelievi da ARPAM nel nostro comune – spiega Franchellucci- sono ben otto e sono i seguenti: 500 Mt. Sud Foce Fiume Chienti, 700 Mt. Sud Foce Fiume Chienti, 900 metri Sud Foce Fiume Chienti, davanti Fosso Serpe, davanti Fosso dell'Albero, 750m Nord Foce Tenna, Davanti Fosso Castellano, 200m Nord Foce Tenna. E’ evidente che i prelievi vengono fatti in corrispondenza dei fossi e dei fiumi e quando ci sono forti piogge che interessano sia il nostro territorio che anche i paesi dell’interno, i fossi e i fiumi raccolgono le acque dagli scolmatori e dagli impianti di depurazione provenienti dai comuni limitrofi e dell’entroterra".


"Si precisa che il nostro Comune ha eseguito da tempo la bonifica dei fossi naturali e ha intercettato tutti gli scarichi della rete fognante convogliandoli al depuratore comunale - prosegue il primo cittadino -. Più precisamente il fosso Fonteserpe è stato bonificato e distaccato dalla rete fognante nel 2001, il fosso dell’Albero nel 2011 e il fosso del Palo nel 2006. Il fosso Fonte di Mare, invece, non è stato mai intercettato dalla rete fognante in quanto privo di scarichi urbani confluenti e normalmente è asciutto; la stessa cosa vale per il fosso Castellano che, ugualmente, non è stato mai intercettato dalla rete fognante in quanto privo di scarichi urbani confluenti".


"Il programma dei prelievi per la balneabilità viene stabilito dal Ministero della Salute e concordato con la Regione Marche all'inizio della stagione balneare; purtroppo la data prevista per il 3 settembre era già programmata e i risultati sono stati influenzati dai temporali abbattutisi in tutta la regione Marche nei giorni precedenti - continua Franchellucci -. I dati dell’intera stagione balneare mostrano, invece, un quadro totalmente opposto e rassicurante rispetto a quello prospettato dal Movimento 5 Stelle, che non manca mai di strumentalizzare eventi e situazioni tirando acqua al suo mulino e confidando nella mancanza di conoscenza della gente. Compito di un amministratore dovrebbe essere quello di informare la cittadinanza e non di creare inutili allarmismi per sterili polemiche che, come è stato dimostrato, lasciano il tempo che trovano.”.

Data inserimento: 2018-09-07 14:23:15

Data ultima modifica: 2018-09-08 15:40:43

Scritto da: Redazione