Consiglio comunale infuocato a Porto San Giorgio. Minoranza all'attacco su vari fronti, tutte le risposte dell'amministrazione. Di Virgilio: "Basta con la 100% critica"

Maggioranza sotto attacco negli ultimi giorni a Porto San Giorgio. Martedì si è svolta un'accesa seduta del consiglio comunale; molti e su diversi argomenti gli affondi dei rappresentanti dell'opposizione.

Si era comunque iniziato già nei giorni scorsi con il botta e risposta tra Marco Marinangeli e l'Assessore allo sport Valerio Vesprini in merito alla chiusura del campo sportivo vecchio per inagibilità.

 

Durante la seduta del consiglio comunale, poi, Renzo Petrozzi e Andrea Agostini, che nell'occasione è ufficialmente diventato capogruppo di Fratelli d'Italia, partito cui si era iscritto nei mesi scorsi, hanno portato all'attenzione del consesso la questione relativa alla Tarsu. "Chiedere la Tarsu 2012 nel 2018 costringe il cittadino sangiorgese a un oneroso ricorso tributario ad Ascoli Piceno e così il cittadino cede al sopruso per non incontrare maggiori spese - la denuncia dell'ex sindaco -. Mi preoccupa un'amministrazione che ha dormito per anni e che poi si sveglia a danno erariale compiuto per non vere chiesto tempestivamente i crediti maturati".

Polemiche che i consiglieri di maggioranza definiscono “pretestuose e infondate”, perché l'amministrazione richiede il pagamento a coloro che non hanno mai denunciato l'occupazione di un immobile: “Gli avvisi di accertamento relativi alla tassa rifiuti solidi urbani dell’anno 2012 sono stati emessi sulla base del comma 161 dell’articolo unico della legge 296/2006 (Finanziaria 2007) che recita: "Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie.

Gli avvisi in questione contestano omesse dichiarazioni e poiché la scadenza per la presentazione della dichiarazione Tarsu per il 2012 era fissata per legge al 20 gennaio successivo all’inizio dell'occupazione (quindi per le occupazioni iniziate nel 2012 il termine era il 20 gennaio 2013) il termine di decadenza per la notifica dell’avviso di accertamento scade il 31 dicembre 2018. La normativa è correttamente richiamata anche nel testo dell’avviso ricevuto dal contribuente”.

“I consiglieri Agostini e Petrozzi prendono le difese degli evasori in dispregio della legge – è l'affondo di Andrea Di Virgilio, capogruppo del Pd in consiglio comunale - e a discapito della stragrande maggioranza dei sangiorgesi che, correttamente, pagano i tributi e si trovano a pagarli anche per chi non lo fa”.

 

La consigliera Maria Lina Vitturini ha invece portato all'attenzione del consesso il tema della tutela dei minori da tutta una seria di problematicità connesse alla loro età: se da una parte la consigliera si è detta d'accordo con lo stesso Di Virgilio nell'affermare che gli amministratori non possono sostituirsi alle forze dell'ordine o ai genitori, è a suo dire altrettanto vero “che non possiamo delegare tutto a loro: come politici, se siamo di fronte a genitori deboli o impotenti, dobbiamo far intervenire i servizi sociali. Questa è la sicurezza che più interessa ai cittadini. Bisogna trovare tutti insieme progetti di prevenzione seria, con la collaborazione delle forze dell'ordine, delle scuole e dei servizi preposti alla prevenzione, per raggiungere l'obiettivo comune di restituire a Porto San Giorgio l'immagine di città sicura e a misura di bambino che merita e che è fondamentale per lo sviluppo di settori quali il turismo, la cultura, i servizi scolastici e sociali. I nostri giovani sono in pericolo e noi abbiamo il dovere di fare tutto il possibile per impedire il dilagare di sostanze nocive e di abitudini scorrette”.

 

Di Virgilio, infine, dopo aver criticato un'opposizione che, “non paga di un modus operandi fallimentare che l’ha portata per due volte di seguito a sbattere contro il muro della coalizione Loira”, continua a darsi alla “100% critica”, ha voluto esprimere alcune precisazioni su una serie di argomenti emersi durante la seduta. “In merito al Porto, l’Università Politecnica delle Marche sta lavorando per fornire all’Amministrazione, entro il prossimo anno, uno studio e la documentazione necessaria per l’approvazione del piano regolatore portuale – spiega -. Quanto al pennello para sabbia per limitare gli effetti dell’insabbiamento, si ribadisce che vi è un tavolo aperto tra Comune e Regione per una valutazione tecnica anche in ragione dell’evoluzione della linea di costa che si è avuta negli anni. Proprio per questo il pennello potrebbe oggi essere insufficiente e il progetto merita un approfondimento tecnico che è in corso circa dimensioni e consistenza dell’opera”.

“Sull'ex Lavanderia Cossiri – prosegue Di Virgilio – va chiarito che si tratta di un immobile di proprietà di una società fallita, che andrà all'asta nei prossimi mesi, così come il piano interrato e il primo piano dell’ex silos di via della Repubblica e l’ex “stazionetta” di via della Resistenza. Come da programma, siamo pronti a discutere immediatamente la riqualificazione complessiva della ZPU di cui abbiamo già il progetto.

“Per quanto riguarda il Cinena Excelsior – continua il capogruppo Pd - pende in Corte d’Appello un contenzioso sulla proprietà. In primo grado il Tribunale di Fermo ha dichiarato che l’immobile è di proprietà della società privata che non ha, al momento, alcun interesse di investire sull’immobile nonostante le tante proposte formulate dal sindaco”.

Infine, una rivendicazione sull'operato dell'amministrazione in merito al reperimento dei fondi europei: “E' utile e importante individuarli: il comune di Porto San Giorgio si è attivato ed ha ottenuto finanziamenti per il ponte ciclopedonale sul ponte del fiume Ete (500 mila euro), affrontando una situazione che da sempre chiedeva soluzioni - chiude Di Virgilio -. Ha intercettato fondi per la riqualificazione del Pic pesca (300 mila euro), per il rifacimento del manto del campo sportivo a nord denominato Ala Azzurra (75 mila euro)e per quello delle banchine del porto per garantire maggior sicurezza (35 mila euro)”.

Lo stesso Di Virgilio ha infine auspicato, per il futuro, "una discussione maggiormente propositiva ed una maggiore onestà intellettuale da parte di consiglieri che, tra l’altro, hanno ricoperto per svariati anni posizioni apicali nella nostra città". 

 

Data inserimento: 2018-10-19 10:03:06

Data ultima modifica: 2018-10-20 13:51:51

Scritto da: Redazione