Scontro tra scooter e volante della Polizia: è morto Aldo Luciani. Si configura l'ipotesi di omicidio stradale

E' morto nella notte Aldo Luciani, il 76enne di Fermo che lo scorso 10 agosto, mentre era alla guida del suo scooter, era rimasto coinvolto in un incidente con una volante della Polizia sulla SP 239, l'arteria principale di collegamento tra Fermo e Porto San Giorgio.

 

L'uomo, che era stato immediatamente trasportato in eliambulanza all'Ospedale Torrette di Ancona, aveva riportato fratture e lesioni varie ed era stato operato per tamponare un'emorragia cranica, ma era rimasto in stato vegetativo fino ad oggi.

 

Un incidente, quello del 10 agosto, la cui dinamica è stata però al centro di alcune polemiche. Due giorni dopo, infatti, Andrea Agostini, legale della famiglia era intervenuto a questo proposito contestando la prima versione uscita su alcuni mezzi di informazione, secondo la quale l'impatto sarebbe avvenuto lateralmente in seguito a un sorpasso del motociclista ai danni della Volante.

“Il supposto centauro è un nonno di 76 anni, la moto è un motorino 50 cc vecchio di 15 anni, la strada del sinistro è in salita – aveva scritto Agostini -: evidente quindi che non si sia trattato di un sorpasso da parte dell’anziano. Piuttosto l’urto laterale sullo specchietto sinistro dell’auto deve far ritenere che questa, venendo da dietro, abbia inteso superare l’anziano sulla sua destra causandone la caduta”.

 

Come detto, lo stato vegetativo si era protratto da giorno dell'incidente, che ora, con la morte da tragica fatalità con lesioni gravissime, assurge a ipotesi di omicidio stradale.

Data inserimento: 2018-12-20 10:17:47

Data ultima modifica: 2018-12-21 15:42:16

Scritto da: Redazione