Sant'Elpidio a Mare. 100mila euro dal Governo per il patrimonio pubblico: ne beneficeranno le scuole

Ieri sera, nel corso di una riunione di maggioranza, l’Amministrazione Comunale ha deciso quali interventi finanziare con i fondi arrivati ai comuni dal Governo per la messa in sicurezza del patrimonio pubblico. Centomila euro da investire nel territorio per interventi importanti, attesi da tempo e attentamente valutati da Sindaco, Assessori e Consiglieri di Maggioranza.

Presenti all’incontro il Sindaco Alessio Terrenzi, gli Assessori Stefano Berdini, Gioia Corvaro e Stefania Torresi e rappresentati tutti i gruppi di maggioranza con i Consiglieri Paolo Cognigni, Roberto Gallucci, Francesco Lepri, Alessandro Morresi, Federica Paccapelo, Andrea Rossi.
Gli interventi individuati gravitano quasi tutti attorno alle strutture scolastiche del territorio: si intende intervenire sul tetto della scuola del Capoluogo, sul tetto dell’asilo nido Trenino Rosso, sulle gradonate della piastra polivalente di Cascinare a servizio della collettività e, in particolare, dell’adiacente scuola, ed ancora un tratto di via Machiavelli a Castellano ed alcuni marciapiedi di Casette d’Ete.
“Con la maggioranza abbiamo valutato le opere che sarebbe opportuno, secondo il nostro punto di vista, finanziare con i fondi del Governo – dice il Sindaco, Alessio Terrenzi – ma è evidente che ora l’ufficio tecnico dovrà valutare con attenzione quanto previsto nella legge di bilancio che dispone i centomila euro per i comuni e capire se tutto ciò che abbiamo indicato vi potrà rientrare. Altre due priorità da finanziare oltre al fondo di centomila euro – aggiunge il Sindaco - sono quelle di intervenire su via Boccette e via Piannenza. 
Si attingerà al fondo per le emergenze per sistemare via Boccette il cui intervento prevede la messa in sicurezza della via per riaprirla pedonalmente e a cui, con l’avvio della messa in sicurezza di palazzo Agostiniani, si sommerà anche la riapertura del vicolo adiacente per poi tornare ad avere il centro storico interamente pedonale. A quel punto si potranno riaprire anche i bagni pubblici a servizio della collettività.
Per intervenire su via Piannenza, fortemente voluto da tutti noi e dove è necessario sistemare l’argine del fosso, si è ritenuto di non intervenire in questo momento – anche sulla scorta del parere del consigliere del posto – in quanto si sta smantellando un’azienda e circoleranno ancor più mezzi pesanti per portare via materiali etc. Questo pregiudicherebbe la buona riuscita dei lavori e si è deciso diversamente. Su Piannenza interverremo con l’avanzo del consuntivo che verrà approvato entro il 30 aprile per la messa in sicurezza del fosso e per la realizzazione della gabbionata oltre che per sistemare l’asfalto. E’ un intervento su 53 metri lineari di strada, con l’installazione di 70 metri circa di guardrail. Si è fatta una seria valutazione, per Piannenza, onde evitare che il lavoro venga rovinato. Avevamo intenzione di finanziare anche l’interramento dei cavi in centro storico – aggiunge il Sindaco – ma non è un lavoro che può far parte di questa tipologia di interventi ma che, insieme a Piannenza, intendiamo comunque finanziare sempre con l’avanzo dato dal bilancio consuntivo”.

Data inserimento: 2019-02-01 15:09:55

Data ultima modifica: 2019-02-02 15:47:02

Scritto da: Redazione