Fermana F.C., il Gubbio passa sui resti dei canarini. 0 a 1: decide Chinellato ad inizio ripresa. Destro rivoluziona la squadra, ma non basta e dichiara: "I tifosi fanno bene a lamentarsi"

Nell'ultimo turno infrasettimanale della stagione, la Fermana era chiamata a stringere i denti, dopo la doppia sconfitta di Ravenna e Bolzano. Non disponibili D'Angelo, ancora infortunato, e Ginestra (praticamente accantonato?), mentre rientrava Giandonato che è sceso in campo sin dal fischio d’avvio.

 

 

IL PRE GARA

"E' una partita importante perchè veniamo da due sconfitte, una giocata in un campo impraticabile, l'altra condita da errori nostri - commenta mister Destro dopo la rifinitura - Dobbiamo tornare a essere lucidi e attenti. Il recupero fisico e psicologico sono importanti, abbiamo affrontato più di sei ore di pullman e siamo tornati subito ad allenarci, ma dobbiamo anche riuscire a ricompattarci e fare quello che siamo sempre stati abituati a fare". Che squadra è il Gubbio: "Una squadra che ha perso con l'Imolese pur facendo una buona gara. Ha iniziato molto bene la partita, nei primi minuti. Ha giocatori molto rapidi in fase offensiva nell'uno contro uno, attaccano alti anche con i centrocampisti". Da parte della Fermana c'è anche la voglia di vendicare la sconfitta dell'andata: "E' stata forse la peggiore partita, che abbiamo affrontato non giocandola, quindi c'è anche voglia di far vedere che noi non siamo quelli. Noi dobbiamo essere concreti, questa è la parola d'ordine".

 

MARTEDI’ 12/02/2019 - STADIO “B. RECCHIONI” (ORE 18,30): IL TABELLINO

 

Fermana F.C. (4-4-2): Marcantognini; Iotti (1' st Maloku), Comotto, Scrosta, Sarzi Puttini (31' st Sperotto); Maurizi, Urbinati (1' st Misin), Giandonato (1' st Malcore), Fofana; Zerbo (28' st Van Der Heijden), Lupoli. A disposizione: Valentini, Pavoni, Grieco, Guerra, Soprano, Otranto,  Marozzi. All. Destro.

 

Gubbio (4-2-3-1): Marchegiani; Tofanari, Espeche, Piccinni, Lo Porto; Benedetti, Davì; De Silvestro (20' st Malaccari), Casiraghi, Cattaneo (42' st Campagnacci); Chinellato (33' st Plescia). A disposizione: Battaiola, Pedrelli, Maini, Conti, Tavernelli, Ricci. All. Galderisi.

 

Arbitro: Sig. Fiero di Pistoia (Mariottini/De Pasquale)

Reti: 4' st Chinellato (G)

Ammoniti: Urbinati, Comotto e Misin (FFC), Tofanari e Lo Porto (G)

Angoli: 3 a 3

Recuperi: pt 2'; st 4'

Note: spettatori paganti 171 (dato fornito dall'Ufficio Stampa della F.F.C.).

 

Destro rivoluziona l'11 iniziale e mette a sedere tutti i nuovi arrivati sconfessando, di fatto, l'intera campagna acquisti. Alla fine, sarà ancora sconfitta: al Gubbio basta un gol di Chinellato ad inizio ripresa, per difendere il quale non è costretto a compiere sforzo alcuno. Fermana F.C. scarica e poco dinamica, senza idee, incapace di crearsi e trovare spazi, che fa registrare due soli tiri in porta (Comotto al tramonto della prima frazione e Fofana a 6' dalla chiusura delle ostilità) e che alza bandiera bianca ben prima del triplice fischio. No, non è questo il collettivo di qualche settimana fa. Che succede, ragazzi? La "Duomo", intanto, per la prima volta nella stagione ha inziato a rumoreggiare nei confronti di una squadra inguardabile, che sembra aver tirato i remi in barca a salvezza quasi conquistata...E Sabato si va a Vicenza, con un team che sembra non averne più, solo desideroso di racimolare il più in fretta possibile quei 4-5 punti che ancora lo separano dalla matematica salvezza, prima di accantonare una stagione che - obbiettivamente e constatata la pochezza, per lo meno sino all'apertura dell'ultima sessione di mercato, delle altre pretendenti ai Play Off (senza offesa per nessuno, ma l'operazione che ha portato alla cessione di Clemente non riusciremo mai a condividerla, così come la gestione dei "casi" Misin, Ginestra e Giandonato) - avrebbe acconsentito anche di sognare. Che peccato, ragazzi. Occasione persa? Forse. In ogni caso, il torneo concede ancora il tempo per riportare il bilancio stagionale in positivo. Basterà, in questo finale di stagione, riprendre quella retta via che sino a qualche settimana fa sembrava la Stella Polare del cammino gialloblù: concretezza dietro, dinamismo in mezzo e ripartenze letali. E forse, osare un tantinello di più. O no?

 

SALA STAMPA: LE DICHIARAZIONI DI MISTER DESTRO E SCROSTA.

 

Mister Flavio Destro analizza la sconfitta con grande lucidità e nel post gara non cerca alibi: "Al di là dell'episodio noi abbiamo fatto una gara negativa. Quando si prende gol c'è sempre demerito nostro, però il contesto della partita non mi è piaciuto a prescindere dall'episodio e un allenatore deve riflettere su queste cose. Comunque quando le cose non vanno è giusto che un allenatore si prenda le proprie responsabilità e la colpa è mia. I tifosi fanno bene a lamentarsi perché sono venuti a vedere una partita che è stata brutta, abbiamo perso e ci sta che si lamentino. Abbiamo provato diverse soluzioni per cercare di trovare spazi - continua nell'analisi mister Destro - Io guardo l'aspetto della partita che è stata negativa. La colpa è mia, forse non sono stato ben chiaro su quello che dovevamo fare. Il portiere non è in difficoltà, ha fatto bene la parata, avremmo dovuto coprirlo meglio.Non siamo stati efficaci soprattutto nella fase di possesso, abbiamo giocato poco, tirato niente. È un momento difficile, lo sappiamo, dobbiamo ritrovare concentrazione in tutte le zone del campo, ritrovare lucidità e autostima. Conosco bene i miei giocatori e le difficoltà di questo campionato. Dobbiamo ritrovare quella fiducia che avevamo. Questo è un momento di difficoltà, forse il primo dell'anno perché non abbiamo vissuto mai queste situazioni. Dobbiamo compattarci e lavorare. Io conosco solo questo verbo e quando cadi devi avere subito la forza di rialzarci. Dobbiamo accettare le critiche perchè sono giuste e nell'arco di un campionato ci stanno questi momenti. Ora guardiamo avanti, al Vicenza. Cambia poco andare a giocare contro una squadra forte. Dobbiamo ricaricare le batterie il più in fretta possibile, ma le insidie ci sono sempre".

Una gara giocata sul filo dell'equilibrio quella col Gubbio. Così commenta anche il difensore Edoardo Scrosta: "Positiva o negativa la gara è stata decisa da un episodio. Ultimamente non gira bene. All'andata succedeva che lo facevamo noi l'episodio, oggi va così. Sono tifosi, se perdiamo naturalmente non gli fa piacere, ci sta che protestino o contestino. Il Gubbio ce lo aspettavamo così, fondamentalmente ha fatto un tiro un gol. L'arrabbiatura che abbiamo ora la dobbiamo mettere in campo sabato e non sarà facile perché abbiamo il Vicenza, poi abbiamo il Pordenone, ma tutto è possibile, non dobbiamo dare per scontato nulla".

 

 

 

SCENDI IN CAMPO CON NOI!

La Fermana F.C. comunica che in occasione della gara contro il Gubbio, in programma oggi alle ore 18,30, le squadre scenderanno in campo accompagnate da una delegazione di piccoli atleti della scuola calcio canarina. Continua la tradizione della Società gialloblù di far vivere ai giovani sportivi del territorio l’emozione di entrare in campo mano nella mano con i propri beniamini. L’iniziativa verrà ripetuta in tutte le altre partite casalinghe dei gialloblu cercando di coinvolgere tutti i Settori giovanili delle realtà limitrofe e le associazioni.

 

Data inserimento: 2019-02-11 16:49:31

Data ultima modifica: 2019-02-14 09:49:25

Scritto da: Redazione Sport