Bloccano l'auto e gli trovano
tre coltelli 'proibiti': il fiuto dei carabinieri non sbaglia

L'uomo, nello scusarsi dicendo di non aver notato i lampeggianti, ha da subito iniziato a mostrare qualche cenno di nervosismo.

A segno, ancora una volta, i carabinieri di Porto Sant'Elpidio comandati dal maresciallo maggiore Corrado Badini. Nel corso di uno dei quotidiani controlli stradali e del territorio, i militari dell'Arma di Porto Sant'Elpidio, nel pomeriggio di oggi, hanno notato un soggetto sospetto al volante di un'auto.

A quel punto si accodano, accendono i lampeggianti e fanno segno all'automobilista di fermarsi. Ma quell'uomo al volante non si ferma e prosegue la sua marcia. E quando alla terza intimazione di fermarsi l'uomo non dà cenni di frenare, lo sorpassano, gli tagliano la strada e lo bloccano. L'uomo, nello scusarsi dicendo di non aver notato i lampeggianti, ha da subito iniziato a mostrare qualche cenno di nervosismo. Che certo non è sfuggito alle divise. E via con il controllo sul soggetto e con la perquisizione dell'auto. Morale della favola? Quell'automobilista era un pregiudicato e nella vettura i carabinieri hanno scovato tre coltelli, di quelli proibiti, stile militare, e un taglierino. Lame che sono costate all'uomo la denuncia.

Data inserimento: 2019-03-13 13:03:05

Data ultima modifica:

Scritto da: