Eventi
Amii Stewart a Radio Fermo Uno: "La passione per la musica e l'arte è la mia vita. E ai giovani dico: studiate e siate umili"

Amii Stewart, artista di fama mondiale che si esibirà martedì prossimo allo Sferisterio di Macerata, è stata intervistata questa mattina a Radio Fermo Uno da Jessica Tidei, con la quale ha condiviso una serie di interessantissimi aneddoti sulla propria carriera a quasi quarant'anni di distanza dall'uscita di Knock on Wood, il singolo che la lanciò alla ribalta internazionale nel 1979.

Amii Stewart a Radio Fermo Uno:

“Quello di Knock on Wood fu un periodo eccezionale per me perché segnò la nascita della mia carriera discografica – racconta la Stewart – fu un momento emozionante, magico e molto frenetico, ne conservo tuttora un ricordo indelebile”.

 

Non sono tanti i singoli che riescono a mantenere intatto il proprio successo nel tempo; Knock on Wood è senz'altro uno di questi e la Stewart pensa che il segreto sia nell'arrangiamento rivoluzionario rispetto a quello delle precedenti versioni, che contribuì a creare un grande senso di energia e di gioia. “Era la canzone giusta con l'immagine giusta al momento giusto – aggiunge – se manca anche una sola di queste componenti il pezzo non funziona. L'immagine, in particolare, era assolutamente fondamentale nel mondo della disco music degli anni '70, in cui ognuno cercava di differenziarsi radicalmente rispetto agli altri. Oggi si osa molto meno, l'unica a distinguersi da questo punto di vista è Lady Gaga”.

 

La Stewart si sofferma poi su alcune tappe fondamentali della propria carriera, sottolineando con insistenza l'importanza del periodo formativo alla Duke Ellington School of Arts, l'accademia delle belle arti della capitale statunitense in cui racconta di aver studiato canto, ballo, teatro e recitazione: “Ho avuto dei professori incredibili che mi hanno dato tutto e mi hanno formato nell'artista che sono oggi – confessa – non ho mai dimenticato quegli studi che mi hanno fornito una base seria per portare avanti questa passione per l'arte che è la mia vita, non un lavoro”.

 

Nella parabola artistica della cantante americana un ruolo fondamentale l'ha avuto anche il nostro Paese. Proprio in Italia, infatti, l'artista ha trovato una casa discografica, la Rca, che le ha dato sostanzialmente carta bianca, permettendole quindi di non restare confinata nelle vesti di mera cantante di disco music, che non percepiva del tutto sue, ma di ampliare i propri orizzonti ed essere una vera e propria interprete di musica a 360 gradi. “Mi dissero che potevo fare quello che volevo quando volevo purché firmassi il contratto – ricorda sorridendo la Stewart – e io ho colto questa opportunità. Devo dire che nel tempo hanno mantenuto questa promessa e da lì sono nate le collaborazioni con Gianni Morandi, Mike Francis, Ennio Morricone e tanti altri”.

 

All'interno di questo legame speciale con l'Italia, la Stewart ricorda anche la sua esperienza dello scorso anno al Teatro dell'Aquila di Fermo, “una bellissima città con un pubblico pazzesco, ci siamo divertiti da matti” - sottolinea – e ora aspetta con ansia il concerto di martedì prossimo allo Sferisterio quando, insieme al maestro Gerardo Di Lella e alla Pop Orchestra, formata da 22 elementi con sei solisti, porterà in scena uno spettacolo esclusivamente dedicato agli anni '70. “Lo Sferisterio è un'arena di rara magia e bellezza, un posto molto grande in grado di sostenere un suono così bello e forte (l'orchestra è composta infatti anche da una doppia sezione di fiati, ndr). Io e il maestro Di Lella siamo eccitatissimi, sarà una serata per ballare e vi faremo scatenare con noi, è il modo giusto per chiudere in bellezza quest'estate caldissima” - spiega la Stewart, che in conclusione regala alcuni consigli alle aspiranti promesse della musica - “Studiate, siate umili e mantenete i piedi per terra, questa è la ricetta. L'unico modo per emergere è studiare ed essere sempre pronti ad imparare da chi sa di più rispetto a voi”. 

 

L'intervista integrale a Amii Stewart

 

 

L'intervista al maestro Gerardo Di Lella

Letture:1923
Data pubblicazione : 24/08/2017 16:07
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications