Attualità
Lo spot delle Marche con le Winx va sospeso ed integrato. Lettera della Provincia di Fermo a Spacca

Non si fermano le polemiche sullo spot promozionale della nostra regione in onda su Rai1. Dopo l'intervento del sindaco di Loreto che lamentava la mancanza delle immagini della Basilica, arriva anche quello di Cesetti e Massucci. Inaccettabile, si dice, che il Fermano sia ancora una volta fuori dallo spot promozionale. Di seguito riportiamo la lettera in versione integrale.

Lo spot delle Marche con le Winx va sospeso ed integrato. Lettera della Provincia di Fermo a Spacca

Egregio Sig. Presidente,


anche se di sfuggita tra i mille impegni Istituzionali, abbiamo potuto ammirare il recente spot promozionale della Regione Marche per i mercati internazionali incentrato sulle Winx.
Indipendentemente dal giudizio tecnico, per quel che ci riguarda molto lusinghiero in quanto lo spot è davvero accattivante, lamentiamo ancora una volta la mancanza di un benché minimo riferimento diretto al territorio del Fermano.
Era già successo, caro Presidente, anche nella versione integrale di 4 minuti dello stesso spot utilizzata, come traino, durante l’EXPO di Shangai ed ancora prima con lo spot di Dustin Hoffman. In tutti e tre i casi sembra assurdo che non vi sia stata neanche una singola “immagine cartolina” del territorio del Fermano da inserire alla pari, ad esempio, di Urbino, dell’Anconetano, del Maceratese e del Piceno.
Ciò appare assurdo ed irriguardoso nei confronti di questo territorio, per non parlare poi del fatto che, dalle informazioni fornite dagli uffici preposti, tali spot promozionali, indispensabili ma sicuramente molto costosi, sarebbero stati in tutto o in parte finanziati utilizzando le risorse dell’Asse V del FESR per la valorizzazione dei territori, dei suoi progetti integrati e delle loro eccellenze.
Per l’insieme di questi motivi, Sig. Presidente, questo ennesimo spot che farà il giro del mondo non è per noi accettabile e Le chiediamo quindi di dare disposizione ai suoi collaboratori di sospenderlo immediatamente e di integrarlo con i migliori riferimenti del nostro territorio.
In attesa di un cortese cenno di riscontro, l’occasione ci è gradita per porgere distinti saluti.
 
 
Il Presidente
On. Avv. Fabrizio Cesetti
 
L’Assessore al Turismo
Guglielmo Massucci                                           
 
Letture:1652
Data pubblicazione : 26/06/2013 14:25
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
10 commenti presenti
  • Giancarlo

    28-06-2013 10:57 - #10
    Un spot dura 30". Inserire tutto è impossibile. Magari una istantanea rappresentativa del Fermano era dovuta. Ma un spot televisivo deve fare da "punta di iceberg" a tutta una serie di iniziative corali per una promozione capillare di ogni peculiarità della regione. Ecco che magari, evitando di spendere ulteriori soldi per creare o integrare lo spot, la regione potrebbe equilibrare dando più risalto al Fermano nella promozione locale. Questa non è una gara a chi possiede il territorio migliore, in un competizione meramente campanilistica. Deve essere uno sforzo comune al raggiungimento dell'obbiettivo. Mi chiedo: chi in Regione decide come deve essere impostato uno spot ? Sicuramente sarà stato discusso in consiglio o in giunta. Perché Fermo non è intervenuta durante la sua analisi, farlo a posteriori appare pretestuoso. I cittadini del Fermano devono chiedere questo ai propri politici, che si svegliano sempre a "bombardamento avvenuto" !
  • Sfroos

    27-06-2013 22:50 - #9
    Ci sarebbe anche da aggiungere che per "i sinistri" un certo tipo di cultura legata al sacro ed alla religione, molto presente nella nostra regione, non è mai stata troppo considerata, per ovvi motivi...ora, nel caso specifico, non so quanto conti la posizione di Massucci, rispetto a quella di Cesetti, che invece se ne dovrebbe preoccupare...
  • Marco

    27-06-2013 20:51 - #8
    Non ci dimentichiamo del Teatro Romano di Falerio Picenus, il meglio conservato delle Marche. A proposito delle borse lavoro, si potrebbe approfondire l'argomento.
  • skaz

    27-06-2013 16:32 - #7
    cosa pretende la provincia se essa stessa con i suoi burocrati ascolani al servigio nell ente preferisce mandare spot sulle borse lavoro fse x laureati nostrani su emittenti tv di san benedetto e abruzzesi piuttosto che del fermano
  • viale trento

    27-06-2013 09:06 - #6
    Spacca non è mai stato e mai sarà il mio governatore!
  • skaz

    26-06-2013 23:10 - #5
    cosa pretende la provincia se essa stessa con i suoi burocrati ascolani al servigio nell ente preferisce mandare spot sulle borse lavoro fse x laureati nostrani su emittenti tv di san benedetto e abruzzesi piuttosto che del fermano
  • Paolo Cesare Vitulli

    26-06-2013 21:07 - #4
    Tutto questo non è nuovo. Lo spot pubblicitario rappresenta soltanto una versione figurativa del sentimento che in regione si prova per Fermo e il fermano. Non so precisamente come spiegarne le cause, forse siamo l'asse portante economico delle marche e questo fa invidia ? forse perchè abbiamo tenuto in mano nostra la storia del territorio piceno per più di 2000 anni fa rabbia e si vuole dimenticare il passato come è solito fare per quelli scomodi ? forse, forse, forse, troppi forse ... C'è chi dice che Fermo è una città morta, chi dice che Fermo sta morendo; guardiamo in faccia alla realtà: Fermo la stanno uccidendo e questo lo stanno facendo di proposito. L' assurdo della politica iniziato quel 1861 ( anno epico a detta dei luoghi comuni ) si sta inasprendo e dunque condivido pienamente la lettera del presidente Cesetti in quanto dobbiamo far sentire la nostra voce, che, non per presunzione ma per legittima testimonianza della storia e dei fatti, val molto più di quella degli altri "marchigiani" che hanno "perso la memoria." Paolo Cesare Vitulli.
  • Sfroos

    26-06-2013 19:44 - #3
    solo mille??? Non ho capito...è già successo due volte e vi lamentate pure? Bisognerebbe pensare che questo nuovo spot sia stato progettato e prodotto in qualche oscuro scantinato lontano da occhi indiscreti, che solo in pochi sapessero...o magari dormite e, tra uno dei mille impegni istituzionali e l'altro, qualche informazione di quello che succede più su de san lupidio vi arriva ma quando è ormai troppo tardi?
  • antonio

    26-06-2013 17:58 - #2
    Ci sono anche i romeni oltre ai cechi.
  • Paolo Bartolomei

    26-06-2013 15:36 - #1
    è inconcepibile, rasentiamo la pazzia: a Fermo ci sono monumenti e beni culturali che non hanno pari nella nostra regione, ci sono le Cisterne Romane, una Piazza di architettura rinascimentale con tre palazzi dalla facciata perfettamente rinascimentale affacciati su di essa che forse solo Firenze può vantare, il teatro lirico più grande e antico delle Marche, una delle venti biblioteche più importanti d'Italia, la casula di S. Tommaso di Canterbury, che secondo uno studioso dell'Università di Londra (il prof. Rice) contiene la più antica iscrizione araba esistente al mondo. Eppure dei cechi burocrati chiusi in una stanza, sicuramente assunti grazie ad una tessera di partito, che stanno lì solo perchè non erano in grado di fare altro, dimenticano o fanno finta di dimenticare il tutto. Sebbene in questi casi buona parte delle responsabilità è anche dei maggiorenti locali che non sono minimamente capaci di interfacciarsi con i luoghi dove si prendono le decisioni, e poi sono costretti solo a proteste tardive (e non mi riferisco solo agli spot promozionali, ma a tutto il resto, dalla sanità al lavoro etc. etc.).
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications