Attualità
Lotta all’evasione, la Steat recupera 600 mila euro grazie ai controllori sugli autobus

La Steat, la compagnia di mezzi di trasporto pubblici del fermano, chiude il bilancio con un saldo positivo di 30 mila euro, mentre l’utile di esercizio si attesta sui 360 mila euro. Un traguardo raggiunto, soprattutto, grazie all’impiego di 15 bigliettai su tutte le linee coperte dalla compagnia.

Lotta all’evasione, la Steat recupera 600 mila euro grazie ai controllori sugli autobus

I 600 mila euro recuperati in due anni, ossia da inizio 2012 e fine 2013, sono frutto di un rigoroso piano di risanamento industriale da parte della società Steat, portato avanti con estrema tenacia, che ha avuto come uno dei suoi punti cardine la lotta all’evasione.

Se un tempo molte entrate venivano perse fra le pieghe dei viaggi, con molti passeggeri senza biglietto e numerosi abbonamenti che non venivano rinnovati, oggi la situazione risulta essere ben diversa, merito anche dell’assunzione di nuovi controllori sugli autobus che hanno portato alla riduzione dei passeggeri senza biglietto valido e che, allo stesso tempo, hanno funzionato come ottimo deterrente per tutti gli altri.

Come la definisce il presidente della Provincia Fabrizio Cesetti, socio di maggioranza: “E’ stata una questione di far applicare semplicemente la giustizia, che è andata a vantaggio di tutti gli utenti onesti del trasporto pubblico locale.”

La Steat, azienda che punta a modernizzare, rendere più agevole e confortevole le sue linee, affinché sempre più persone scelgano di usare i suoi autobus, sta  migliorando sempre più i propri servizi, recentemente con l’inserimento di paline elettroniche alle fermate per informare i passeggeri e l’utilizzo sempre maggiore di autobus a metano, un modo per ridurre i costi e l’impatto sull’ambiente. Ora, grazie alle entrare recuperate, sarà ancora più facile perseguire l’obiettivo: garantire un servizio sempre migliore ai propri clienti.

Come dichiara lo stesso Fabiano Alessandrini, presidente della compagnia Steat: “ Le prospettive per il trasporto locale sono positive e vanno tutte nella stessa direzione: necessità di recuperare le perdite dell’evasione, ma anche il bisogno di stabilire costi standard per i corrispettivi, una questione che ci riguarda da vicini visto che da sempre abbiamo avuto i corrispettivi più bassi di tutta la regione.”

 

Letture:2229
Data pubblicazione : 09/07/2014 11:01
Scritto da : Iacopo Luzi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications