Attualità
Fermo, i sindacati non dimenticano: una conferenza sulle condizioni dei lavoratori nel Fermano e una fiaccolata per Mustafa e Avdyli

Si è svolta oggi venerdì 19 settembre 2014, presso la sede della CGIL di Fermo, la conferenza stampa sui tragici fatti legati al duplice omicidio di Mustafa Neomedim di anni 38 e Avdyli Valdet di anni 26, risalente allo scorso lunedì 15 settembre.

Fermo, i sindacati non dimenticano: una conferenza sulle condizioni dei lavoratori nel Fermano e una fiaccolata per Mustafa e Avdyli

Relatori dell’incontro sono stati: Alessandro de Grazia, segretario di Fermo CGIL, Giuseppe Pacetti segretario della UIL di Fermo, il segretario generale CGIL Maurizio di Cosmo, il segretario CISL per le Marche Alfonso Cifani, Spiro Prebibaj, rappresentante la FILCA-CISL e Davide Signorini della UIL.

La conferenza stampa, oltre che presentare un’approfondita disamina su come sia stato compiuto l’efferato gesto, che ha visto come protagonista l’imprenditore di Molina Girola, Gianluca Ciferri, ha cercato di fornire, ma sia ben chiaro non giustificare, un nesso che potesse collegare un gesto così estremo alla situazione molto difficile che si pone oggi davanti agli imprenditori edilizi italiani: stando ai dati riportati dai relatori, il settore delle costruzioni, sia a livello nazionale che a livello locale, sta subendo i peggiori danni dall’inizio della crisi del 2008: nelle Marche, solo nel settore delle costruzioni, i posti di lavoro persi sono quasi 12.000 e il tutto, sempre a partire da gennaio 2008, condito da un dimezzamento del numero di addetti, delle imprese ancora in piedi e delle ore di lavoro denunciate.

Naturalmente, com’è stato facile desumere anche dai protagonisti coinvolti in questo tragico fatto di sangue, i malcapitati sono spesso e volentieri, i lavoratori immigrati, che si prestano sempre maggiormente a retribuzioni più basse e soprattutto alla pratica del lavoro nero.

Pratica quest’ultima, che inibisce non solo la copertura salariale da parte delle aziende (tutt’oggi otto lavoratori su dieci su territorio locale sono indietro con le retribuzioni), ma che non permette agli ispettori sulla sicurezza nei luoghi di lavoro di svolgere il proprio compito in maniera precisa e puntuale, viste le difficoltà anche di tipo logistico in cui spesso e volentieri si imbattono.

Il segretario Maurizio di Cosmo, lamenta inoltre la mancanza di un adeguato dibattito nelle sedi preposte al trattamento di temi delicati come questo: il governo e di più, la provincia e il comune sembrano essere sordi alle richieste dei sindacati: ”Questa tragedia evidenzia le sorti degli operai in cassa integrazione. Serve maggiore attenzione da parte dei comuni sulla crisi e sull’emergenza lavoro: abbiamo bisogno di sensibilità vera! Occorre pertanto trovare nuove soluzioni e nuove strade percorribili. Il sindacato ha oramai solo armi spuntate, ma pur di venire incontro alle esigenze dei lavoratori e dei propri iscritti, farebbe di tutto.

Nello specifico, CGIL-CISL-UIL di Fermo, in solidarietà alle vittime e alle loro famiglie e per sollecitare una netta condanna della coscienza collettiva  di tutto il Fermano di fronte all’inaudita violenza dei fatti di Lunedì 15 settembre, organizzerà per Domenica 21 settembre un “Fiaccolata-corteo” di solidarietà: il corteo partirà alle ore 20 da via XX Giugno, nei pressi dell’abitazione delle vittime, proseguendo poi per le vie del centro storico di Fermo fino a raggiungere Piazza del Popolo.

Letture:2594
Data pubblicazione : 19/09/2014 16:56
Scritto da : Giovanni Robert
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Sfroos

    19-09-2014 21:37 - #1
    ma, a proposito...chi lavora in nero viene pagato?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications