Attualità
Incontro regioni-governo sul legge di stabilita'. Il presidente Spacca: “La dichiarazione del presidente del Consiglio Matteo Renzi rafforza la mia fiducia sulla Legge di stabilità”

"Ho incontrato i presidenti di Regione. Siamo disponibili a discutere con loro le proposte nel merito, perché si taglino gli sprechi, non i servizi. È arrivato il momento dei costi standard, sul serio. Partendo dal principio della trasparenza totale online di tutte le spese dal governo alle Regioni. Questa dichiarazione del presidente del Consiglio Matteo Renzi rafforza la mia fiducia sulla Legge di stabilità”. Inizia così la dichiarazione del presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca.

Incontro regioni-governo sul legge di stabilita'. Il presidente Spacca: “La dichiarazione del presidente del Consiglio Matteo Renzi rafforza la mia fiducia sulla Legge di stabilità”

Spacca che aggiunge: “Una manovra che sceglie la via della crescita e che, come dice Renzi, introdurrà finalmente una logica di costi standard in luogo di tagli lineari che penalizzano Regioni virtuose come le Marche. Era quanto avevo auspicato sin dall'approvazione della Legge di stabilità in Consiglio dei Ministri: sì a nuovi sacrifici da parte delle Regioni, purché modulati su una valutazione oggettiva, da parte del Governo, dei comportamenti virtuosi delle Regioni e basati sui parametri di produttività. L'obiettivo è razionalizzare la spesa a livello locale e nazionale, valutando i costi standard: è questa la strada maestra e la sfida da perseguire per premiare i comportamenti virtuosi, evitare tagli lineari, modernizzare la pubblica amministrazione. Troppe, oggi, le penalizzazioni che colpiscono le Marche, Regione che da tempo ha imboccata la strada dell'efficientamento della spesa, del risparmio senza colpire i servizi. Regione che può vantare una delle migliori sanità in Italia, grazie ad una riforma che ha portato a sintesi il sistema, passando da 13 vecchie Asl, indipendenti e slegate, ad una governance coordinata con un'unica azienda regionale, l'Asur. Marche virtuose ma penalizzate da quei tagli lineari che il premier ha annunciato non saranno più il riferimento dei trasferimenti. Non è infatti più possibile, ad esempio, che per un servizio come il Trasporto pubblico locale le Marche ricevano dallo Stato 68 euro pro capite, mentre la vicina Umbria 110 e la Basilicata 130. O che lo Stato italiano trasferisca alla nostra regione 8.702 euro pro capite contro i 19.475 della Valle d'Aosta. La Regione Marche è dunque pronta a lottare contro ogni spreco e a confrontare i propri conti con quelli delle altre regioni sui costi standard e quindi sui comportamenti più  virtuosi".



Letture:1610
Data pubblicazione : 23/10/2014 17:34
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications