Attualità
Fermo. Il sindaco Brambatti risponde al segretario CGIL Di Cosmo:“Ingiustificata veemenza che sembra nascondere gravi pregiudizi ideologici”“

Gli argomenti a supporto delle esternazioni sulla stampa del Segretario della CGIL di Fermo, Maurizio Di Cosmo, sono estremamente variegati ed abbracciano materie a volte così specialistiche che richiedono conoscenze ed approfondimenti non sempre facili. A quanto pare, l’interesse del segretario a criticare l’Amministrazione Comunale è così forte da fargli ritenere superflua la necessità di conoscere ed approfondire, prima di valutare.

Fermo. Il sindaco Brambatti risponde al segretario CGIL Di Cosmo:“Ingiustificata veemenza che sembra nascondere gravi pregiudizi ideologici”“

Qualche giorno fa, ha tuonato contro il bando per l’affidamento a concessionario esterno delle riscossioni coattive, omettendo però di dire che, fino ad oggi, tale attività non veniva effettuata dagli impiegati comunali ma da Equitalia. Se avesse approfondito (e parliamo di personale), avrebbe poi potuto sapere che all’Ufficio Tributi è già stata assegnata una persona aggiuntiva, che analoga misura è in via di conclusione a favore dell’Ufficio Legale, proprio per effettuare il recupero crediti con risorse interne all’Amministrazione, tant’è che l’affidamento esterno concerne solo una quota parte di tali crediti.
Con analoga superficialità, sostiene che il Comune dovrà rimborsare in parte i possessori delle case di lusso, mentre la correzione al regolamento Tasi, portata in Consiglio Comunale, è solo di ordine formale visto che gli F24 spediti alle famiglie recano importi corretti e rispettosi dei limiti imposti dalla normativa.

Tanta ingiustificata veemenza sembra nascondere gravi pregiudizi ideologici, e gli interventi finora effettuati hanno, di fatto, più una connotazione politica che sindacale.
Non sarebbe altrimenti comprensibile perché un segretario generale si addentri addirittura in vicende urbanistiche, che hanno radici antiche, così complesse quali i Lotti di Casabianca o il cantiere di Via Respighi, su cui è tuttora aperta un’inchiesta della magistratura che dovrà accertare le eventuali responsabilità.
Non è neanche comprensibile perché sottolinei i 500 mila euro a cui il Comune deve fare fronte omettendo però di dire che tali debiti sono riferiti ad atti di precedenti amministrazioni.
Il tentativo di mascherare l’evidente attacco politico con la lotta agli sprechi ed all’evasione cade miseramente nel pervicace disconoscimento delle azioni poste in essere da questa amministrazione per combattere l’evasione fiscale ed il contenimento delle spese. E sono patrimonio ormai consolidato quegli obiettivi di solidarietà sociale, a cui fa riferimento, da sempre prioritari per questa amministrazione, facilmente identificabili in una lettura, sia pur frettolosa, del bilancio di previsione.

Un corretto confronto, magari duro, esige sempre correttezza e chiarezza si parli di personale, di bilancio, di sociale, altrimenti saranno solo inutili esternazioni che certo non contribuiranno ad affrontare con serenità i momenti difficili che questo paese e questa comunità stanno vivendo .

Letture:2690
Data pubblicazione : 27/11/2014 09:56
Scritto da : Nella Brambatti, Sindaco Città di Fermo
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Piero

    27-11-2014 10:57 - #4
    Di Cosmo, lavorando per conto terzi e non conoscendo le cose, alla fine l'ha fatta fuori dal vasino...
  • marco

    27-11-2014 10:48 - #3
    La CGIL preferiva l'Amministrazione precedente che, tra Asite e Comune, ha assunto mezza Fermo. Poi si lamentano delle tasse. Perchè non date una mano agli Amministratori a licenziare i dipendenti inefficienti invece di difenderli ad oltranza? Ah, giusto, li difendete perchè hanno la tessera del sindacato. Renzi non ti fermare...
  • Giacomo della Marca

    27-11-2014 10:44 - #2
    Sindaco, quando si è insediata insieme alla sua Giunta ben sapeva tutti problemi che la passata gestione le aveva lasciato. la sua campagna elettorale si è basata sulla risoluzione di tali problemi e non nel rinvio sinedie degli stessi. Via Respighi è stata la sua giunta a renderla talmente complicanti da non farci capire nulla a nessuno. I lotti di Casabianca è stata la sua Giunta a trasformarli in residenze turistico alberghiere. E' sempre stata la sua Giunta ad approvare le zone B riformulando quello che prima era un principio di eguaglianza. E' stata la Sua giunta ad approvare gli ampliamenti dell'Oasi, delle varianti normative al PRG dove le acque si ritiravano per miracolo, vedi Lido di fermo o dove il verde doveva essere usufruito con gli impianti di risalita vedi Santa Caterina o poggio ancora in aree esondabili a Campiglione o sbaglio? E' stata la sua Giunta a rinunciare a diversi svariati milioni di euro per la gestione del Biogas o sbaglio? Vogliamo parlare forse dell'aumento delle aliquote, le più alte della Regione? Sindaco se fossi in Lei avrei preferito tacere, perché dopo oltre tre anni di governo avete solo fatto quello che gli altri avevano avviato e non avete cambiato nulla di quello per i quali eravate stati votati, compreso il personale, gestito in maniera ridicola. Cara Sindaco sembra sempre più l'ultimo giapponese nella foresta a difendere il fortino che un politico lingimirante. Si dimetta e ridia respiro a questa città.
  • La Brambatti non racconta tutto, non risponde alla Capeci.

    27-11-2014 10:08 - #1
    La Brambatti omette di dire, facendolo apposta, che Di Cosmo riprende l'attacco sferrato al comune di Fermo, ai dirigenti comunali e di conseguenza al sindaco, dalla consigliera comunale Sel Sonia Capeci, dipendente del comune di Fermo, per disorganizzazione, poca trasparenza e parzialità nei confronti dei dipendenti se non addirittura clima intimidatorio. Cara Brambatti ma se le sparano contro anche liberamente i dipendenti comunali, a cui lei non ha risposto a mezzo stampa come a Di Cosmo (PERCHE' ????????, forse aspetta che oggi Sel voti il bilancio ?????????? e la mantenga sulla poltrona ???????) ma cosa vuole parlare ancora, si dimetta e se ne torni a casa a godersi il tanto tempo libero che avrà.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications