Attualità
"Non è una provincia per giovani". Porto Sant'Elpidio: la nuova discoteca Harmonized sottoposta a sequestro preventivo per il troppo rumore

La denuncia proviene dai residenti della zona Fratte, dove ha aperto da poco tempo la discoteca Harmonized. I problemi ci sono stati fin da subito e visto il troppo rumore prodotto durante le varie serate, alla fine sono scattati i sigilli. 

Purtroppo non è una novità a Porto Sant'Elpidio, dove anche in passato il Sunrise subì lo stesso destino. Il sequestro è stato disposto in seguito agli accertamenti dell’Arpam, che hanno rilevato la misura dei decibel superiore al consentito.

Questo il comunicato della discoteca Harmonized: 

"Gentile clientela, 
causa sopravvenuti improvvisi impedimenti non dipendenti dall'organizzazione, siamo spiacenti di comunicare che domenica 7 dicembre il locale resterà chiuso e la tanto attesa esibizione di Blawan e' annullata. Sarà nostra cura comunicare con sollecitudine la ripresa di questo come degli altri eventi in programmazione per le prossime serate.
Buon weekend a tutti"

 

Senza lasciarsi andare a inutili polemiche(sarebbero superflue, vista la frequenza con cui simili cose avvengono dalle nostre parti), ci troviamo di fronte l'ennesimo caso in cui una struttura nuova, fatta per i giovani, che attira persone e che anima i weekend spesso non troppo attivi della nostra provincia, venga chiusa o posta sotto sequestro per "alcuni decibel" in più.

Nulla di grave, ma sufficiente per giungere a simili conclusioni. Tutto ciò  in favore dei residenti. Mentre a molti viene quasi da esclamare: "La Provincia di Fermo non è un posto per giovani". 

Letture:3045
Data pubblicazione : 07/12/2014 12:42
Scritto da : Iacopo Luzi
Commenti dei lettori
6 commenti presenti
  • Carlo

    16-12-2014 17:24 - #6
    Se io coltivo fragole, rispetto le regole (punto). Se i "ragazzi" (facciamo uomini) non le hanno rispettate... abbassano i decibel (punto)... e gli investimenti a sei cifre... lo fanno in tanti... non drammatizziamo, alcuni vanno nel nulla altri vanno bene. Guardi basta solamente che rispettano le regole (tutto qua)... non esiste la scusa dell'essere "ragazzi" con dei sogni e dell'investimento a 6 zero... Poi se c'è come dice lei: disparità di trattamento! (ma non ho ben capito, forse mi sbaglio), vadano a denunciare il tutto alla Procura. PS Peccato chi i link sono vietati.. mi fido comunque... non è il problema se la discoteca è riconosciuta dagli Urali all'Atlantico dal polo Nord al Mediterraneo. Buona fortuna a tutti, alla discoteca e ai residenti, e che tutti rispettino le leggi (comunque per parte mia, preferisco vicino casa un centro di accoglienza per profughi)... Cordiali saluti
  • Filippo

    16-12-2014 15:13 - #5
    Discreto Carlo, a dimostrazione che la magnifica Harmonized è una struttura ed un’organizzazione con attenzioni a livello Europeo, le linko alcuni documenti dove si parla proprio di tale situazione. (..) Per quanto concerne la situazione del vicinato, ha ragione, i ragazzi di sicuro hanno commesso qualche errore di calcolo. Ma il male maggiore risiede proprio qui : è questa la maniera di distruggere i sogni di giovani ragazzi che rischiano un investimento a 6 cifre in un periodo come questo? Per alcuni decibel di troppo? Senza dare l’opportunità di lavorare, sistemarsi o creare una sinergia con tutte le istituzioni in modo da creare qualcosa di efficiente nella suddetta triste città? Rifletta, perché come a lei potrebbe piacere coltivare le fragole, ad altre persone potrebbe piacere organizzare eventi che sono al passo dei tempi in cui viviamo, e che generalmente, costringe i nostri ragazzi ad allontanarsi dalle proprie città. Ho accompagnato mio figlio una volta in questa situazione e devo dirle che è un peccato dover privare i giovani di una struttura del genere, così altamente qualificata e qualificante. Porto Sant’Elpidio ha colto nuovamente l’occasione per far ridere i polli ed in questo caso, tutta Italia, perchè oltre all'ingiustizia inflitta a giovani ragazzi, bisognerebbe citare anche la disparità dell'utilizzo della legge nei differenti casi e per differenti persone, ma sarebbe un'epopea e di certo,questa non è la sede per intraprenderla.
  • Carlo

    15-12-2014 18:51 - #4
    Caro Filippo, lei ch'è molto intelligente (e lo dimostra la Sua frase "Questo stabile ha portato fama e notorietà in tutta EUROPA"...)... non ha capito forse la faccenda: sono stati i residenti a denunciare all'Arpam il fastidio... La magnifica Harmonized (conosciuta in tutta EUROPA, non sta in mezzo a un deserto... lo può vedere, se non vuole andarci, da Google Maps: è leggermente fuori dalla zona industriale (anche se sta in zona industriale..., i decibel si sentono nelle vicinanze)... se la musica è alta va abbassata (punto). E scusi... ma siamo ancora nel 2014, e non nel 2015 (e lasci perdere i miei neuroni). E spero che mio figlio non passi il tempo in una discoteca (le conosco benissimo le nostre benamate discoteche)...
  • Filippo

    15-12-2014 17:45 - #3
    Carlo sei proprio poco intelligente, lo stabile si trova in una zona industriale, quindi non adibita alle residenze. Il proprietario ha ammesso le sue colpe sin da subito, cercando insieme alla giunta comunale, di intraprendere i lavori, ma non gli è stato concesso. Spero tu non abbia mai un figlio che voglia scapparsene dalla città in cui l'hai messo al mondo, perchè ti assicuro è una grande delusione. Questo stabile ha portato fama e notorietà in tutta EUROPA, ad un paese famoso solo per le signorine lungo la strada, costrette magari anche da s.elpidiensi perbenisti anonimi. Per cortesia, utilizza i neuroni del tuo cervello per capire che ci troviamo nel 2015. 2-0-1-5.
  • Ste

    07-12-2014 21:44 - #2
    Concordo con quanto scritto e vorrei tanto capire come vengono fatti i controlli da parte dall'arpam. In estate negli chalet che fanno musica fino alle 3 di notte in pieno centro tutto regolare ?
  • Carlo

    07-12-2014 12:54 - #1
    Preferisco sotto casa un centro di accoglienza per profughi che una discoteca per i GGiovani (con due GG... che poi da noi giovani si definiscono anche i 40enni). Abbassa la musica dio santo... immaginate uno con un tumore allo stadio terminale che vuole crepare in casa sua in santa pace e sotto una bella feste dei nostri GGiovani che non crescono mai a tenerlo sveglio... costruitele fuori da zone residenziali, o abbassa sta musica (che poi non è neanche cultura... e non mi parlate che i dj fanno cultura e neanche del fatto che una discoteca dà lavoro, anche un night club dà lavoro, molto di più).
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications