Attualità
Bandiera blu a Porto San Giorgio, Pedaso, Porto Sant'Elpidio e Fermo. Cerimonia a Roma. L'assessore Ciabattoni: "Premio all'impegno per turismo e ambiente"

Questa mattina, nella sala Tirreno della regione Lazio, in piazza Oderico da Pordenone, i rappresentanti della Fee Italia (Foundation for Environmental Education) hanno consegnato ai rappresentanti di 147 comuni e 66 approdi turistici italiani la Bandiera blu 2015, che certifica la qualità ambientale delle località turistiche e balneari. Porto San Giorgio, rappresentata dall'assessore al Turismo Catia Ciabattoni, ha ottenuto dunque per il sedicesimo anno consecutivo il riconoscimento. Insieme alla delegata del sindaco Nicola Loira si sono recati nella capitale l'assessore al Turismo di Porto Sant'Elpidio Milena Sebastiani, il sindaco di Pedaso Barbara Toce ed il vice Paolo Concetti, il commissario prefettizio di Fermo Vittorio Saladino, la referente per la Bandiera blu Sonia Capeci e il dirigente Piero Moriconi.

Bandiera blu a Porto San Giorgio, Pedaso, Porto Sant'Elpidio e Fermo. Cerimonia a Roma. L'assessore Ciabattoni:

Catia Ciabattoni che subito dopo il ritiro del riconoscimento ha spiegato:"Esprimo piena soddisfazione per la giornata odierna. La Bandiera Blu certifica l'impegno dii più parti nella tutela delle acque così come l'attenzione ai servizi a disposizione dei cittadini, turisti e visitatori, la pulizia del litorale: un lavoro di squadra, giustamente riconosciuto.
Diventa a questo punto necessario mettere a frutto un riconoscimento come la Bandiera Blu, al fine di favorire l'economia turistica e promuovere il nostro territorio verso le altre regioni e oltre i confini nazionali. Con la Regione questo percorso è stato già intrapreso, sotto l'egida del brand 'Gusta il Blu', che vuole mettere a sistema l'ambiente di qualità insieme a enogastronomia, cultura e sport, elementi che devono affiancare il turismo balneare e di tipo familiare più tradizionale, caratteristiche di Porto San Giorgio".
Per il sindaco di Pedaso Barbara Toce e l'assessore Concetti:"La riconferma dell'ambito riconoscimento premia il lavoro portato avanti a livello ambientale che punta al miglioramento della qualità della vita delle nostre coste". Sorride anche l'assessore elpidiense Milena Sebastiani: "Per noi si tratta dell'ottavo riconoscimento consecutivo, un premio meritato da dividere tra tutti coloro che lavorano per il turismo e l'ambiente elpidiense. Nelle fiere di settore la Bandiera blu continua ad avere un peso determinante nelle valutazioni di coloro che scelgono la propria meta per le vacanze".
Nel settembre scorso la Fee inviò a Porto San Giorgio il proprio delegato danese Johann Durand (International Blue flag assistant) con lo scopo di controllare lo stato della costa cittadina e dei servizi offerti, condizioni-cardine per l'attribuzione dell'ambito drappo. Durand constatò di persona la sussistenza dei presupposti per il mantenimento del riconoscimento. Ebbe modo di visionare la specifica documentazione in mano al Comune e chiese la verifica di alcuni tratti balneari non definiti. La sua scrupolosa e minuziosa attività si focalizzò sul controllo del conferimento dei rifiuti, la pulizia dell'arenile, l'abbattimento delle barriere architettoniche, la presenza di punti informativi, le torrette d'avvistamento e l'esame delle strumentazioni di primo soccorso.

Letture:3378
Data pubblicazione : 12/05/2015 17:16
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
8 commenti presenti
  • Ste

    13-05-2015 12:12 - #8
    X Giovanni: ti posso assicurare che la bandiera blu é una farsa !!!!!!
  • Alessandro

    13-05-2015 11:34 - #7
    Propongo una medaglia al valore ai pesciolini sopravvissuti della vasca del Girfalco, una palude con alghe e oggetti non ben riconoscibili. Una vergogna altro che rallegrarsi per bandiera blu, Fermo è una città sporca, punto.
  • una presa in giro

    13-05-2015 11:01 - #6
    Chi assegna Bandiera Blu si è fatto un bel giretto per il comune di Fermo, dal litorale al capoluogo? Perchè il comune di Fermo per trasparenza non pubblica i dati forniti per ottenere la Bandiera Blu, li vorrei proprio leggere per capire se abito a Fermo o in un altro luogo paradisiaco. Le Marche 17 Bandiere Blu, meditiamo gente, meditiamo, forse non siamo in Italia ma nei Caraibi.
  • Giovanni

    13-05-2015 10:49 - #5
    Ancora mi chiedo come Fermo ha ottenuto la bandiera blu. Se gli indicatori non sono solo la qualità delle acque, ma la raccolta differenziata dei rifiuti, i servizi ed altro, rimango ancora di più sorpreso. Per i presenti alla consegna della bandiera blu, ok per il commissario Saladino ma il dirigente Moriconi e il dipendente Capeci che c'entravano? Non era il caso allora di portarsi qualche operatore ecologico che tenta di mantenere la città pulita con una scopetta consumata e la paletta? Solo a Fermo si confondono i ruoli, in questo altro che bandiera blu.
  • Massimo Ciccola

    13-05-2015 09:25 - #4
    Polemica per polemica. La Bandiera Blu non esprime (non solo) un dato sulla qualità delle acque, ma un insieme di dati, tra cui anche la qualità delle acque. La bandiera Blu esprime, tra gli altri, dei parametri sulla qualità della ricezione turistica e dei servizi collegat., infatti uno dei maggiori promotori è il Touring Club, e non altre Associazioni promotrici dell'ambiente. Quindi non è un indicatore meramente ambientale sulla qualità delle acque del mare, tant'è che è rientrato anche il Trentino Alto Adige. Evitiamo di fare polemica senza informazione preliminare. E' faticoso, ma più onesto. La saluto.
  • sandro

    13-05-2015 09:18 - #3
    Ma scusate, il dirigente del comune di Fermo Moriconi e la dipendente comunale Capeci, invece di farsi fotografare dietro la bandiera blu, unici rappresentanti non istituzionali presenti a Roma, gli altri comuni non hanno portato i dirigenti e i dipendenti, perchè non si occupano del decoro della città, lasciata all'abbandono e ridotta in alcuni posti a discarica. Ma non avete letto dal giornale in quali condizioni è ridotto il girdino del Duomo???????? che è a due passi dal comune ed è uno dei più bei luoghi di Fermo, anzi dovrebbe essere perchè non lo è. La fontana, la voliera, la vasca dei pesci, i giochi dei bambini, perchè non andate a vedere come sono ridotti. Forza Calcinaro, Paolo hai inserito nel programma il cambiamento radicale dell'organizzazione comunale, segnalo in rosso perchè è la prima cosa da fare visti i pessimi risultati conseguiti.
  • Antonio

    12-05-2015 18:27 - #2
    A Fermo la m...dei piccioni e dei cani ci sommerge, il verde è tutto in piante infestanti ed insetti e loro festeggiano la bandiera blu, una farsa (.). La città è sporca che più sporca non si può e il commissario Saladino e i due dipendenti del comune di Fermo se la ridono dietro bandiera blu, ma fatemi il piacere.
  • Catarino Cesà

    12-05-2015 17:31 - #1
    Passerella elettorale per Vongole, Sirenette e Tritoni, della serie una vacanza a Roma non si nega a nessuno... Senza voler "sminuire" la stoffa usata per le bandiere, ma vi sembra regolare premiare le Marche con 17 bandiere ma darne solo 8 alla Sardegna, 5 alla Sicilia e appena 4 alla Calabria...????...in quei posti evidentemente non c'è l'acqua turistica che gare del genere prevedono?...roba da matti.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications