Attualità
Chiusura della prefettura di Fermo. L'intervento del sindaco Calcinaro: “Un danno evidente con effetti sulla sicurezza e sulla gestione dei flussi migratori”

Combatteremo con intelligenza ma fino alla fine per far fronte a questa situazione. Ho voluto esprimere il mio disappunto per questa decisione ai Parlamentari espressione di questo territorio che mi hanno assicurato, pur rimanendo cautamente realisti, la loro disponibilità nel cercare una soluzione condivisa. Ho anche esternato le mie preoccupazioni al Sottosegretario competente. Di certo non sarà un percorso brevissimo. Il nostro territorio, nel frattempo, dovrà portare alla ribalta le proprie esigenze e le proprie peculiarità.

Chiusura della prefettura di Fermo. L'intervento del sindaco Calcinaro: “Un danno evidente con effetti sulla sicurezza e sulla gestione dei flussi migratori”

Per domani mattina (12 settembre ndr) ho convocato tutti i capigruppo per informarli di quanto sta avvenendo, per trovare insieme una sintesi ed inviare poi un messaggio unitario alle rispettive segreterie politiche. Di certo il danno è evidente. Non difendiamo un’insegna o un titolo ma, esternando la nostra indignazione, vogliamo che il Governo prenda coscienza del fatto che in questo modo si lascia scoperto un territorio sia sul piano della sicurezza che su quello della gestione dei profughi che nella nostra Provincia, in virtù di una ben nota tradizione e cultura dell’accoglienza oramai consolidate, è largamente maggiore di tutte le altre Province. Se ci fosse stata una razionalizzazione nella soppressione delle Prefetture, se ci fosse stato un disegno nazionale coerente e sistematico, allora avremmo rispettato questa decisione. Mi recherò a breve al Ministero vista anche la disponibilità del Sottosegretariato ad ascoltare le nostre istanze. Di certo la Prefettura di Fermo va difesa soprattutto per la gestione della sicurezza pubblica: dunque una soluzione, in un modo o in un altro, va trovata. Ed in questo saremmo certamente favoriti se la battaglia verrà condivisa anche con le altre Province italiane che hanno subìto questa stessa decisione ma anche da tutte le forze politiche del nostro territorio

Letture:3210
Data pubblicazione : 11/09/2015 15:52
Scritto da : Paolo Calcinaro, Sindaco di Fermo
Commenti dei lettori
16 commenti presenti
  • x Massimo O.

    17-09-2015 12:48 - #16
    Chissà come ci rimarrà male il nostro compagno Massimo O. quando arriverà l'intervento di Altra Fermo sulla Prefettura, magari con interrogazione scritta, al consiglio comunale. Nel frattempo, Rocca Montevarmine, Conceria, partecipate, sono tutte questioni intorno alle quali la sinistra fermana sta elaborando proposte e progetti alla luce del sole e senza fare demagogia. Altra roba, rispetto ai comunicati di "fuoco" dei teorici della purezza della razza, che da voci di corridoio, dopo aver lacerato e abbandonato Rifondazione, pensavano di rientrare imponendo le loro scelte e deviando un percorso politico che li ha visti assenti ed, in alcuni casi, strenui oppositori da fuori.
  • Dani

    16-09-2015 17:30 - #15
    Cari riaffondati, invece di fare le pulci a Rossi, che è un gigante a vostro confronto, non sarebbe ora che passaste a ritirare il questionario? Magari vi uscirà utile al prossimo giro.
  • x Giuseppe

    16-09-2015 13:55 - #14
    Buon dì Giuseppe, di che associazione parli? Sta nascendo in gran segreto perché in giro non se ne parla e non se ne legge... è una cosa per soli addetti ai lavori, come sempre accade con la sinistra fermana?
  • mendicante

    16-09-2015 13:43 - #13
    Ma di quale sinistra ciarlate? Io non sono di sinistra, sono comunista! "Gramsci, essendo comunista, non era socialista, non era socialdemocratico, non era riformista, e non era neppure liberale; anzi contrastò per tutta la vita e con tutte le sue forze queste tendenze politiche che riteneva responsabili della bancarotta del movimento operaio italiano e corresponsabili del trionfo del fascismo."
  • Luigi

    16-09-2015 12:15 - #12
    Massimo O. vorrebbe mantenere la prefettura, Mendicante vorrebbe eliminarla...cari compagni, prima chiaritevi le idee tra di voi e poi magari se ne riparla.
  • Giuseppe

    16-09-2015 11:41 - #11
    E' uno spasso leggere i commenti degli avvelenati con Rossi e la sinistra, che non perdono occasione per infilarsi dappertutto. La sinistra di informazione.tv, del questionario e dei comunicati stampa. Mentre loro rosicano, a Fermo la sinistra sta dando vita ad una associazione con già tantissime adesioni e tanti progetti e proposte. Pazienza.
  • Massimo O.

    15-09-2015 23:07 - #10
    Mendicante svela il vero volto di certa sinistra che oggi appare in grande difficoltà, traballante e priva di argomenti con cui confrontarsi. Silenzio assoluto dell'altra Fermo (si fa per dire) su tutti i temi importanti. Sulla sparata del nuovo Ospedale di Cesetti, si farà ma come e chi pagherà ? Nessuno lo incalza anzi...tutti conniventi sulla "supercazzola", salvo che chiedere i soldi a Maccaferri. Sulle nomine della segreteria del Sindaco, molto scontata e tutta fatta con metodi da "salotto buono" piuttosto che da "piazza pulita" buio totale. Sulle nomine dei dirigenti per chiamata "quasi" diretta piuttosto che in base alle capacità reali dimostrate nel tempo, l'altra Fermo fa il gioco delle tre scimmiette. Sullo smantellamento degli Enti di questo territorio è come andar di notte. A cominciare dalla Prefettura, per poi seguitare con la Camera di Commercio, la Questura mai arrivata e per finire con il Comando dei Vigili del Fuoco mai attivato. Tutto in funzione evidente di un ritorno silenzioso e inarrestabile sotto l'ala dell'Ascolano a cui Rossi è molto attaccato per evidenti motivi passati e.... presenti. Insomma una sinistra incapace di marcare una presenza di avere una idea e di rappresentare i propri elettori, molti dei quali per necessità visto il panorama politico locale non certo di primissimo piano. Molti mesterianti, molti replicanti, molti interessati ma nessuno in grado di esprimere posizioni nette e chiare. Pazienza, non ci rammaricheremo per questa misera opposizione e per i suoi rappresentanti ma semplicemente per aver perso, ancora una volta una grande ed unica occasione. Quella di essere liberi di scegliere da chi farci governare.
  • mendicante

    15-09-2015 15:04 - #9
    Ebbene sì, Diabolik. L'Inquisizione di una parte nevroticamente autoritaria del partito (Rossi è giunto a Fermo in difesa di SEL, Buondonno e e altri ex PD, (.) Torresi, in contrapposizione alle posizioni del PRC locale, e dei suoi iscritti ed ex consiglieri e segretari) ha allontanato per 12 mesi tutti gli iscritti di Fermo del PRC. Fiero di essere stato allontanato da una dirigenza (.) autoritaria, appiattita in una sorta di pensiero unico che ha distrutto quel che rimaneva di un partito comunque importante per gli ultimi anni della storia fermana e italiana. Ma questa è una vecchia storia, che non mi riguarda più. Ritornando al problema dell'articolo, lo stesso Rossi ha dato indicazioni di votare Calcinaro, quindi ha contribuito anche lui a riportare la vecchia destra al governo della città, e di conseguenza si parla di immigrazione e prefetture.
  • Eva

    14-09-2015 17:17 - #8
    Scusi Dani....ma a noi che ce ne frega se a lei non gli frega...!!!!!!!!!????
  • Dani

    14-09-2015 15:35 - #7
    Scusi Diabolik...............ma chissenefrega.
  • Pasquale

    14-09-2015 07:25 - #6
    Il Sindaco di Fermo dovrebbe scendere in campo per avere una sola Prefettura nelle marche con uffici decentrati nella Questura, si risparmiano soldi e poi se comincia a fare gli interessi dei soliti noti a Fermo tradirà il suo elettorato, gli ricordo che ha promesso di fare piazza pulita, quando comincia? Tutti lo stiamo aspettando.
  • Diabolik

    12-09-2015 17:38 - #5
    Sig. Mendicante girano voci strane in merito al suo rapporto, unitamente a quello di altri iscritti di Fermo con il PRC Provinciale e Regionale. Sembrerebbe e qui il condizionale è obbligatorio che molti di voi sono stati sospesi a Divinis dal partito per aver formulato contestazioni alla candidatura di Rossi. Tutto cio è vero o solo pura fantasia ? PS se la cosa fosse vera allora ci sarebbe da essere preoccupati della tanta evocata democrazia dalla sinistra. Mai molestare il guidatore Mendicante è la prima regola in certa politica.
  • Aristo Tale

    12-09-2015 15:51 - #4
    Petrini ha perfettamente ragione ! Non ci sono più alibi per chi vota il PD. Petrini si confonde invece, ad arte, quando qualifica il PD come partito di sinistra, ben sapendo il contrario. Ora, forse, tutto è lecito ma confondere le politiche di Renzi con quelle della sinistra e non parlo del PRC di SEL o degli altri cespugli che, altri non sono che poveri replicanti di politiche altrui, ma del vecchio PC, quello dei lavoratori dei pensionati, delle classi disagiate ci vuole un bel po di fantasia e faccia tosta. Ammesso e non concesso che il sig. Fabio Petrini ne disponga, chiedo quale è l'alternativa oggi in Italia a tanta miseria politica ? La destra di Salvini, quella di Alfano, o peggio quella dell'ottantenne Berlusca con i suoi guai ancora in arrivo ? Credo, invece, senza essere un attivista, che oggi chi interpreta correttamente e laicamente la volontà popolare siano proprio e solo i 5 Stelle che tutti "schifano" ma che hanno dimostrato coerenza, onestà ed affrontano i problemi dal verso giusto. Lasciamo perdere Grillo ma occorre dire che, di Maio e tutti gli altri ragazzi sono politicamente e tecnicamente molto preparati rispetto a tante "ochette giulive del PD o di Forza Italia" che ripetono a memoria le solite quattro frasi pre impostate. Insomma Di Maio e C. sembrano dei giganti rispetto ai nani e alle nane dei politici che offrono il PD, Forza Italia, Alfano, Salvini, La destra, il PRC, SEL e tutto lo zoo politico che oggi si agita per trovare, domani, ancora una poltrona. L'Italia per crescere,non a parole ma nei fatti, ha bisogno di idee, onestà, coerenza, serietà e facce nuove.... Renzi, in breve tempo, si è rottamato da solo visto che alle tante aspettative ha fatto seguire solo........... "sole" e, credimi Petrini da queste parti sulle "sole" siamo primi al mondo....!!!!
  • Fabio Petrini

    12-09-2015 12:39 - #3
    Io mi meraviglio che qualcuno si meravigli (scusate la ripetizione) della chiusura della Prefettura di Fermo decisa dal governo Renzi, perché la sinistra ha sempre penalizzato il Fermano sia in Regione che al Governo. Vogliamo parlare della sanità, dei trasporti pubblici o delle infrastrutture? Non c'è settore del nostro territorio che non abbia ricevuto mazzate dalla sinistra, in particolare dal PD. Eppure nonostante questo la maggioranza dei cittadini di Fermo e del Fermano, di tutti i ceti sociali, continua a votare la sinistra, in particolare il PD. Per carità liberi di farlo e il loro voto va rispettato, ma adesso di che cosa ci si lamenta se sono gli stessi fermani a far eleggere coloro che, in Regione, in Parlamento o al Governo, poi trascurano o penalizzano il nostro territorio?
  • mendicante

    12-09-2015 09:42 - #2
    (.). Tutto questo per mantenere i costi assurdi ed insopportabili di un'istituzione che è un baluardo di burocrazia dei tempi napoleonici. Un costo gravante sulla comunità, con affiti di oltre 30 mila euro al mese pagati alla Cassa di Risparmio, che giustamente sbraita..Continuità, commistione, poteri forti...
  • Catarino Cesà

    11-09-2015 16:33 - #1
    Vediamo che cosa si evince leggendo il comunicato del sindaco della Giunta di Destra di Fermo: 1) che solo oggi ha saputo della cancellazione della Prefettura, e la cosa appare molto improbabile se non addirittura ridicola, perchè se un sindaco viene a sapere di una cosa del genere leggendo i giornali allora stiamo freschi.....2) Che la sua prima cosa è stata parlare con i parlamentari del territorio, gente con il canale auditivo aperto fra un orecchio e l'altro, per cui da una parte le parole di Calcinaro sono entrate, e dall'altra sono uscite, non essendo di certo politici tali da poter rappresentare un territorio come il Fermano se molti di loro sono stati addirittura paracadutati in Senato, e di certo non alzeranno tanta polvere per risolvere la situazione......3) Indirà una riunione con i capigruppo per scrivere insieme la solita poesiola comune da spedire alle segreterie di partiti che non hanno neppure una sede nazionale perchè altro non sono che liste civiche.....4) Conferma che a breve partirà per incontrare il Sottosegretario di qualche Ministero a Roma, magari andandoci con la RomaMarche per non spendere troppo visti i pochi risultati che otterrebbe.........non ci sembrano traguardi "epocali", ma siccome le castagne sul fuoco sono le sue, a noi resta, per fortuna, solo l'incombenza della critica.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications