Attualità
Soppressione della Prefettura di Fermo. La CISL: “Un attacco spregiudicato al diritto alla sicurezza”. Domani assemblea sindacale aperta. Invitati i rappresentanti delle istituzioni

"La decisione della chiusura della Prefettura di Fermo e di altrettante 22 Prefetture in tutta Italia è sbagliata e pericolosa. Il messaggio dato dal Governo di arretramento dello Stato sul territorio è inquietante anche alla luce dei tantissimi fatti di criminalità e micro criminalità che nell'ultimo anno hanno visto protagonista il territorio fermano, soprattutto quello della costa. I furti nelle abitazioni, le rapine in pubblici esercizi dove solo per fortuna non c’è ancora scappato il morto, i danneggiamenti alle proprietà e alle auto provate sono all’ordine del giorno della cronaca locale ma di questo il Governo non tiene assolutamente conto perché l’importante è illudere cittadini ed elettori che si sta facendo economia e lotta agli sprechi". Così il segretario regionale Cisl FP Giuseppe Donati annuncia l'assemblea sindacale aperta di domani.

Soppressione della Prefettura di Fermo. La CISL: “Un attacco spregiudicato al diritto alla sicurezza”.  Domani assemblea sindacale aperta. Invitati i rappresentanti delle istituzioni

La domanda della CISL FP è la seguente:"Sopprimere un presidio importante e strategico per l’ordine pubblico e la sicurezza del territorio, è un risparmio oppure un azzardo insensato ai cittadini del fermano? Se rappresenta un risparmio, perché si vuole sopprimere solo quella di Fermo, mantenendo le restanti 4 nei capoluogo di provincia delle Marche? I renziani doc come l’onorevole Petrini, provino a dare una risposta concreta e non demagogica ai fermani".

Donati che aggiunge: "Speriamo che Petrini e tutti gli eletti nelle varie istituzioni pubbliche, che hanno chiesto ed ottenuto i voti dai cittadini di Fermo si ricordino del perché siedono su quelle poltrone e si battano insieme a FP CGIL –CILFP –UIL PA per salvaguardare il diritto alla sicurezza e ai servizi garantiti dalla Prefettura. Sarebbe importante perché siamo difronte allo Stato che batte in ritirata, scegliendo la logica imperante in ogni decisione politica nostrana, che è quella dello spot e della comunicazione vuota ma che fa presa sull’opinione pubblica. Intanto i cittadini privati e le imprese dovranno pagarsi la sicurezza nonostante le enormi tasse pagate. Dove è finito il diritto fondamentale alla sicurezza dei cittadini e delle imprese? I detrattori della P.A. hanno subito messo in moto la disinformazione, facendo passare la battaglia per salvare la Prefettura di Fermo come una mera lotta in favore dei dipendenti. Questo è falso e strumentale ma certamente il futuro lavorativo dei dipendenti e le ricadute sulle loro famiglie non è secondario. L’esperienza demenziale delle Province, ancora tutta da risolvere, alla quale stiamo assistendo, non può che mettere in allarme il Sindacato. Anche sulle Province, il Governo ha giocato al massimo ribasso, svendendo un’istituzione storica, le competenze, le professionalità presenti in essa solo per illudere i cittadini-elettori di aver razionalizzato e risparmiato. Nulla di tutto questo è avvenuto e lo ha certificato la Corte dei Conti non la CISL".

Segretario regionale che conclude domani 22 settembre, in tutta Italia e quindi anche a Fermo, CGIL -CISL -UIL organizzeranno assemblee nelle Prefetture soggette a soppressione. L'auspicio della CISL FP è che a Fermo l'assemblea unitaria sia partecipata ed intervengano anche i rappresentanti delle istituzioni pubbliche. Sindaci, Assessori regionali, parlamentari eletti nel fermano sono preavvisati ed invitati. Vedremo chi ci sarà".

Letture:2252
Data pubblicazione : 21/09/2015 16:11
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • giustoprocesso

    22-09-2015 02:28 - #2
    Ma state veramente sostenendo che per garantire la sicurezza sul territorio è necessario quel carrozzone di prefettura? Qui si va veramente oltre il ridicolo. Va bene che fate il vostro lavoro per cercare di salvare qualche tessera, ma almeno trovate argomentazioni che reggano un po' di più. Una presa di posizione quasi surreale!
  • mendicante

    21-09-2015 23:04 - #1
    Anco'!?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications