Attualità
Il sindaco di Fermo Calcinaro a Roma:”Ho voluto rappresentare l'assoluto senso di abbandono del territorio in materia di sicurezza in caso di soppressione della Prefettura”

Destinazione Roma. Il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ha incontrato ieri il sottosegretario al Ministero dell’Interno Gianpiero Bocci. Un momento di confronto reso possibile anche grazie al tramite del senatore Francesco Verducci che si è mosso per organizzare l'incontro tra il sindaco del comune capoluogo di provincia e il Sottosegretario. Al centro del 'faccia a faccia' la paventata chiusura della Prefettura di Fermo. Sindaco Calcinaro che ha voluto far capire al Sottosegretario Bocci come chiudere questo presidio dello Stato sul territorio, rappresenti prima di tutto una grave situazione di abbandono da parte dello Stato, in primis in materia di sicurezza.

Il sindaco di Fermo Calcinaro a Roma:”Ho voluto rappresentare l'assoluto senso di abbandono del territorio in materia di sicurezza in caso di soppressione della Prefettura”

E' lo stesso sindaco Paolo Calcinaro a spiegarci com'è andato l'incontro di ieri a Roma: “Quello che ho voluto spiegare, al di là di ogni forma di campanilismo, è che ne vale della sicurezza di tutto il territorio Fermano. Oggi la Prefettura è l'unico presidio che ci garantisce una presenza dello Stato. Questo anche tenuto conto del fatto che non abbiamo i livelli provinciali di guardia periferici”.
Calcinaro che aggiunge: “Sono andato a rappresentare il senso di assoluto abbandono in cui si verrebbero a trovare tutti i cittadini e le istituzioni della provincia di Fermo”. All'incontro con il Sottosegretario Bocci ha partecipato anche l'On. Paolo Petrini.

Sottosegretario che si è dimostrato quanto mai disponibile a recepire le indicazioni del sindaco di Fermo. Un nuovo incontro a Roma si dovrebbe svolgere il mese prossimo, intanto già dalla prossima settimana, il 'caso' Prefettura di Fermo potrebbe essere oggetto di una nuova discussione all'interno della riunione di segreteria ministeriale.

Letture:3236
Data pubblicazione : 24/09/2015 10:06
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Marco

    24-09-2015 16:27 - #4
    Caro Sindaco, mi faccia il piacere di pensare a problemi molto più seri sul territorio. La prefettura a Fermo non serve a niente !! per vigilare sul territorio ci servono le forze dell'ordine polizia, carabinieri etc… Bisogna tagliare la spesa questa è la priorità ! basta con queste figure di sola facciata, carrozzoni spreca soldi !!
  • Luciano F.

    24-09-2015 16:17 - #3
    In tema di sicurezza cosa dovrebbero dire allora: Vibo Valentia, Benevento , Oristano , Enna , ma per cortesia.............
  • Fabio Petrini

    24-09-2015 14:49 - #2
    La chiusura della Prefettura di Fermo prova l'inconsistenza delle riforme del Governo Renzi a guida PD. Bisognerebbe abolire tutte le prefetture d'Italia e creare nuove prefetture regionali con uffici decentrati sul territorio. Allora sì che i risparmi di denaro pubblico ci sarebbero, ma questo non verrà fatto e si colpirà un territorio, il Fermano, da sempre politicamente debole. Le riforme di Renzi e del PD? Chi l'ha viste? Solo propaganda.
  • ancora...?

    24-09-2015 10:19 - #1
    Bah, sono risaputi i problemi economici delle forze dell'ordine - dalla proverbiale mancanza di fondi per rifornire di carburante le auto, alla carenza di personale - ma anche il sindaco tira fuori la storia della prefettura come baluardo della sicurezza del territorio. Con molti meno soldi di quelli che si spendono attualmente solo per l'affitto, si potrebbe tranquillamente avere un ufficio decentrato per le prefettizie pratiche ordinarie e nuovi presidi delle forze di pubblica sicurezza. Questo sbracciarsi scomposto per la prefettura è a dir poco esasperante, se consideriamo che le autorità ben poco fanno per la devastante situazione occupazionale del territorio.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications