Attualità
Don Vinicio parte civile nel caso Emmanuel. Fratelli d'Italia commenta: "No alle posizioni esasperate"

“Don Vinicio confonde la sacrosanta necessità di avere giustizia con la propria smania di protagonismo che ha ad oggetto sé stesso e le organizzazioni che gestisce – questa la posizione di Emanuele Morese di Fratelli d’Italia dopo aver appreso dalla stampa che il sacerdote fermano insiste nella volontà di costituirsi parte civile".

Don Vinicio parte civile nel caso Emmanuel. Fratelli d'Italia commenta:

“Da settimane Don Vinicio si fa portavoce di posizioni esasperate e per certi aspetti esasperanti, a danno della collettività. Non pago di averci trasformato nella provincia razzista per eccellenza, continua imperterrito nella sua opera, costituendosi parte civile non si sa a quale titolo. Questo voler rinfocolare continuamente la vicenda con nuove polemiche – continua Morese – è un atto di grande irresponsabilità e noncuranza del silenzio e del rispetto per tutte le parti di questa dolorosa vicenda. Nessuno deve dimenticare per nessuna ragione quel dramma, affinchè tanta violenza non ricapiti più, ma è compito della politica condannare chi da mesi ci sguazza millantando di essere l’unico ad aver a cuore la vicenda. Sappia Don Vinicio che tutti siamo rimasti colpiti ed addolorati, e che, senza bisogno di schierarci in tv, non abbiamo chiesto i danni in sede civile per dimostrare questo nostro stato d’animo. E a dirla tutta, dovrebbero essere i cittadini di Fermo, etichettati per settimane come razzisti, a chiedere i danni a chi ha trasformato un funerale in uno show del dolore, sballottando la moglie della vittima da un altare all’altro sotto gli scroscianti applausi dei ministri della repubblica, accorsi per l’occasione”.

Di supporto alle parole di Morese, arriva anche Giorgio Marcotulli del coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia: “Vorrei che l’intera provincia ripartisse dalle parole del Vescovo di Fermo che chiedeva silenzio, riflessione e rispetto. Tre elementi che sono venuti a mancare perché qualcuno ha aperto le porte ai centri sociali, alle associazioni e ai partiti di governo che hanno trasformato la morte di una persona in un costruito circo mediatico. Quel qualcuno ha un nome e quel nome è Don Vinicio”.

Letture:2905
Data pubblicazione : 13/09/2016 17:21
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications