Attualità
Porto San Giorgio. Agostini: "Lutto nazionale ma non per i Camaleonti". Pop Sea Pop annullata, ma il gruppo vuole il compenso

"Il 27 agosto 2016 è stata giornata di lutto nazionale per ricordare le persone che hanno perso la vita nel sisma del 24 agosto e pertanto tutte le Autorità dello Stato hanno dovuto astenersi da qualsiasi attività pubblica, se non di beneficenza", inizia con questa constatazione la nota del Capogruppo Consiliare 100% Civico, Andrea Agostini.

Porto San Giorgio. Agostini:
I Camaleonti

"Così l’Amministrazione Sangiorgese ha annullato l’evento “Pop Sea Pop Italian Graffiti”, che prevedeva il concerto dei Camaleonti.

Fin qui tutto normale ed anzi nessuno presta attenzione finchè non inciampo nella delibera di Giunta di Porto San Giorgio 13/9/16 n.175.

E cosa scopro ?

Che “l’ora dell’amore” si è trasformata in una regalia di danari pubblici.

“Da molto tempo questa stanza,

ha le persiane chiuse.

Non entra più luce qui dentro,

il sole è uno straniero”.

Ed è così che la Giunta comunale riunita nella stanza del Sindaco Loira, all’insaputa dei Sangiorgesi, decide di tenere fede all’impegno assunto verbalmente dall’assessore Catia Ciabattoni con l’organizzatore e di pagare ai Camaleonti anziché 10.000 euro oltre iva di concerto, 5.000 euro iva compresa di assoluto sconcerto per una transazione da risarcimento del danno per mancata esibizione musicale in giornata di lutto nazionale.

Un’impossibilità sopravvenuta, come un lutto nazionale, estingue qualsivoglia obbligazione eppure i Camaleonti chiedono danari ed il Comune decide di pagare.

Ma più del “Sindaco” Ciabattoni, fuori da ogni grazia, cui poi yes men senza spina dorsale danno seguito assumendo impegni di pagamento che non hanno alcun fondamento giuridico, quindi caricando tutti sulle proprie spalle la responsabilità personale da danno erariale che ne consegue, mi sconcertano i Camaleonti.

Come si fa a battere cassa in occasione di un lutto nazionale ?!?

Quale rispetto per le vittime del terremoto ?!?

Auspico i Camaleonti porgano le scuse e restituiscano i danari, così anche evitando alla Giunta comunale ed ai responsabili degli uffici di rispondere di tasca loro alla Corte dei Conti dei soldi dei Sangiorgesi e ciò per un patto che prima ancora che illegittimo è scellerato e vergognoso".

Letture:4151
Data pubblicazione : 14/10/2016 12:00
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Francesca Vitali

    16-10-2016 16:04 - #4
    Scusi Catarino, ma l'Avvocato Agostini non è l'Onnipotente, indi per cui, chiunque abbia il ruolo per poterlo fare, può replicare. Starà poi ai cittadini farsi un'idea. Questa smania che avete di prevenire repliche e controrepliche la dice lunga sul vostro modo di fare politica..
  • Clark

    16-10-2016 10:55 - #3
    Letto quanto dichiarato dai Camaleonti non resta che stigmatizzare il comunicato dell'ex sindaco anche se il Comune poteva agire come affermato dal portavoce del complesso.
  • Clark

    14-10-2016 16:48 - #2
    Se è vero quanto leggo, questa volta Agostini ha ragione !
  • Catarino Cesà

    14-10-2016 13:02 - #1
    Ed ora aspettiamoci le solite repliche ad Ercolino dai comprimari, ossia Cossiri, Raccichini e altri sedicenti esperti in materia, gente che non si lascia scappare nessuna occasione per stare zitto.........la regola dice che in mancanza di accordo scritto il risarcimento lo deve fare chi ha promesso, poi altra cosa è chiedere agli artisti di ragionare sopra l'eventuale cancellazione del debito, ma il debito andrebbe pagato da chi ha promesso, e se lo ha fatto in nome della collettività senza farsi autorizzare in forma scritta, è millantato credito verso gli artisti.....insomma se le cose stanno come le racconta Ercolino dovrebbe essere la madre di tutte le vongole a pagare e non la collettività.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications