Attualità
Videosorveglianza. Rete intercomunale per la sicurezza. Ieri l'incontro in Prefettura

Si è tenuta ieri, giovedì 20 ottobre, una riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Mara Di Lullo. Presenti, oltre al Questore Mario Della Cioppa e gli altri vertici delle Forze dell'Ordine, il Presidente della Provincia Aronne Perugini, l'Assessore Torresi con delega alla Sicurezza per il Comune di Fermo, i Sindaci di Porto Sant'Elpidio, Sant'Elpidio a Mare, Porto San Giorgio e il Vicesindaco di Montegranaro, insieme ai rispettivi Comandi delle Polizie locali.

Videosorveglianza. Rete intercomunale per la sicurezza. Ieri l'incontro in Prefettura

Il Prefetto ha illustrato agli amministratori locali presenti l'andamento dei fenomeni criminosi relativi all'estate 2016, raffrontandolo con quello dell'estate 2015, da cui si evince una generale riduzione dei reati e un trend in diminuzione dei delitti contro il patrimonio. In alcuni casi la riduzione è arrivata a circa il 40% in meno (Fermo e Porto Sant'Elpidio), in altri si è registrato un tasso di riduzione minore ma pur sempre molto significativo, pari a circa il 25%.
Sul risultato ottenuto, il Prefetto ha ringraziato le Forze dell'Ordine per lo straordinario lavoro posto in essere nel periodo estivo e si è congratulata con i Sindaci per la collaborazione offerta nel settore della sicurezza urbana attraverso le proprie Polizie locali, che sono sempre più integrate con la Polizia di Stato e l'Arma dei carabinieri - quali Forze di Polizia a competenza generale - nel presidio del territorio in funzione preventiva del crimine.
Il Prefetto Di Lullo ha, però, sottolineato l'importanza di mantenere questo trend virtuoso e cercare di migliorarlo ancora, rimarcando l'importanza che nell'estate appena trascorsa hanno avuto i "servizi straordinari interforze" mirati al controllo del territorio e puntualmente programmati per la repressione di diverse tipologie di crimini (sfruttamento della prostituzione, spaccio di sostanze stupefacenti, contraffazione e commercio abusivo). Tali servizi, oltre a reprimere i delitti in questione, hanno consentito e continueranno a consentire la presenza di personale aggiuntivo di Forze dell'Ordine, proveniente anche da fuori provincia, oltre a quello ordinariamente previsto in organigramma sul territorio.
Nell'ambito del Comitato di ieri si è, poi, assunta una decisione molto importante in funzione di prevenzione e repressione del crimine sul territorio provinciale, in materia di videosorveglianza.
Su proposta del Prefetto Di Lullo, appoggiata sotto il profilo tecnico operativo dal Questore e dai Comandanti Provinciali delle altre forze dell'Ordine, gli Amministratori locali presenti hanno accolto molto favorevolmente il progetto di realizzare un "sistema interconnesso di videosorveglianza" tra i cinque comuni presenti in comitato, al fine di realizzare una cintura di difesa intorno ad una macro-area importante, quale è quella composta dai cinque comuni di riferimento, attraverso una mappatura di telecamere di ultima generazione, poste in punti strategici in prossimità degli sbocchi principali di entrata ed uscita dai rispettivi centri, affinchè l'allarme possa essere trasmesso ad un centro unico di riferimento con l'immediata allerta all'unisono di tutte le Forze di Polizia (statali e locali).
I Comuni interessati, pertanto, hanno ieri gettato le basi per consorziarsi al fine di far confluire i loro singoli progetti di videosorveglianza in un progetto unico, che sarà studiato con meticolosità in sinergia tra i Comandanti delle Polizie locali e i Comandanti delle Forze dell'Ordine, presso un apposito Tavolo tecnico, il cui apporto sarà fondamentale per impostare correttamente un simile progetto unico di sistema di difesa passiva, che risulterebbe essere tra i primi in Italia per il coinvolgimento di più Comuni insieme.
Nel frattempo, nella seduta di ieri è stato approvato dal Prefetto il progetto di videosorveglianza di Montegranaro, già pronto e uscito positivamente dal vaglio istruttorio delle Forze dell'Ordine. Il Prefetto ha anche rimarcato che qualsiasi altro Comune della Provincia potrà presentare studi di fattibilità e proposte di attivazione della videosorveglianza sui propri territori, così come il comitato potrà analizzare eventuali proposte di altri enti locali circa il mettersi in rete nel "sistema interconnesso di videosorveglianza".
I Sindaci hanno ringraziato Prefettura e Forze dell'Ordine per l'operato svolto e, in un clima molto positivo, la riunione si è conclusa con auguri reciproci di buon lavoro.

Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • carlo

    22-10-2016 12:09 - #3
    Bisogna ringraziare chi si impegna a contrastare la criminalità, e credo che sia quanto mai necessaria la presenza della questura a fermo, ma la politica locale su questo tema, mi sembra faccia poco.
  • Saverio

    22-10-2016 08:18 - #2
    Quindi? Che cosa vuoi dire con questo intervento? Proprio perché ci sono stati e ci saranno altri casi del genere è molto positivo che ci sia un impegno da parte di tutti gli organi competenti verso una direzione che possa limitare i fenomeni stessi. Il disfattismo e la critica a prescindere di certo non fermano i ladri, vediamo se, invece, può far qualcosa la messa in campo di iniziative come questa
  • parole, solo parole

    21-10-2016 12:11 - #1
    riduzione dei reati !!!!!!, andatelo a dire ad Elmo Tapppatà e a tutti quelli che hanno avuto i ladri in casa e a quelli che non escono più di casa e si barricano dentro per paura.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications