Attualità
Pubblicati i risultati dell’autopsia su Emmanuel: il nigeriano non sarebbe morto per il pugno di Mancini.

Emmanuel Chidi Nnamdi sarebbe morto battendo la testa in terra dopo la caduta, dovuta al pugno inferto da Amedeo Mancini. Un contraccolpo all’encefalo sarebbe stata la causa. Smentita la ricostruzione della moglie di Emmanuel che ha sempre sostenuto come il marito fosse stato colpito da dietro con un paletto della segnaletica.

Pubblicati i risultati dell’autopsia su Emmanuel: il nigeriano non sarebbe morto per il pugno di Mancini.

L’esame autoptico è stato depositato il 25 ottobre scorso e la notizia con i risultati definitivi è stata rilasciata oggi. Quello che ne esce non lascia dubbi: Il pugno inferto dall’ultras Mancini sarebbe stato di “energia di grado moderata”, quindi non letale.

Nella relazione si legge come il capo di Emmanuel sia stato “attinto” da due colpi: uno compatibile con il pugno inferto da Mancini e successivamente un "colpo a livello occipitale che ha a sua volta provocato il trauma cranico" che "per quanto attiene la produzione, il mezzo può essere identificato in una superficie ampia lineare".

In parole povere: il marciapiede su quale si è accasciato il giovane rifugiato.

Continuando a leggere la relazione appare “maggiormente attendibile la dinamica secondo cui sia caduto a terra impattando il capo in regione occipitale e, per il meccanismo di contraccolpo dell'encefalo, si sia verificato il grave trauma encefalico che lo ha condotto a morte".

"Se Emmanuel fosse stato attinto da dietro, il corpo darebbe caduto in avanti" e avrebbe provocato "danni a ginocchia, arti superiori e mani. Ma questi erano indenni da tali lesività".

Stando all’autopsia sembrerebbe impossibile che Mancini abbia colpito da dietro Emmanuel con un paletto segnaletico.

Il fascicolo del medico legale ora è noto a tutti, mentre il Pm archivierà molto probabilmente il caso. Mancini resta ai domiciliari. La storia ora proseguirà in tribunale. 

Letture:4440
Data pubblicazione : 10/11/2016 22:21
Scritto da : Iacopo Luzi
Commenti dei lettori
7 commenti presenti
  • per susanna

    12-11-2016 03:14 - #7
    capisco che questa e' una idea di sottofondo molto comunista: "cambiare le strutture per cambiare l'uomo",.....poi le dico sinceramente che un prete dovrebbe curare le persone non "massacrarle" mediaticamente e poi cavalcare l'onda per i propri interessi. forse faccia delle riflessioni e capira' (..che forse non voleva ucciderlo, poi quanti ragazzi a fermo si prendono a pugni, non so se lei si pone questa domanda). grazie.
  • Giorgio

    11-11-2016 16:52 - #6
    Ora faranno finta di nulla, i signori dei palazzi non si sposteranno da Roma per venire e scusarsi, per venirci a dire che hanno agito per coprire l'affaire Alfano insomma “fumo negli occhi” come spesso capita. E chi ne esce peggio è, purtroppo, la Chiesa ed il suo rappresentante che eviterà di cospargersi il capo per aver agito troppo istintivamente o peggio ancora in malafede.
  • Piero

    11-11-2016 14:36 - #5
    L'accusa era e rimane omicidio preterintenzionale, nulla cambia nel caso Emmanuel
  • susanna

    11-11-2016 14:00 - #4
    Mi scusi Domingo , nella sostanza che cambia? se è stato il pugno stesso o la caduta causata dal pugno...che cambia rispetto al fatto che se se Emmanuel quel giorno non avesse incontrato Mancini oggi sarebbe vivo. Che cambia rispetto al fatto che se Mancini fosse cresciuto in un ambiente più sano forse in lui non sarebbe cresciuto odio razzista, quell'odio che oggi gli ha rovinato la vita?.
  • francesco

    11-11-2016 13:59 - #3
    E la vedova ha anche ricevuto il premio Il Picchio d'Oro.... complimenti.
  • joe

    11-11-2016 11:33 - #2
    complimenti per il picchio d'oro concesso alla moglie, che ha fornito una ricostruzione dei fatti che non corrisponderebbe agli atti processuali
  • domingo

    10-11-2016 23:28 - #1
    e adesso....i cari vinicio, boldrini, alfano, boschi......e compagni vari, che dicono??? quando la chiesa ha abbandonato la sua specificita' e si e' data alla politica si finisce per perdere la propria identita'....clero fermano meditate!! e battetevi il petto!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications