Attualità
Montegranaro. Dalla Regione un finanziamento di 580.000 euro per il progetto di miglioramento sismico della scuola di Santa Maria

La Giunta comunale ha convocato una conferenza stampa per fare il punto della situazione in ordine ai terremoti verificatisi a partire dallo scorso 24 agosto e per dare un'importante comunicazione in merito alla Scuola di Santa Maria.

Montegranaro. Dalla Regione un finanziamento di 580.000 euro per il progetto di miglioramento sismico della scuola di Santa Maria

“Eravamo certi che il nostro impegno sarebbe stato premiato – ha spiegato il Sindaco Ediana Mancini – e, grazie anche all'Assessore Cesetti, abbiamo avuto la notizia che con il decreto da parte della Regione Marche del 2 novembre scorso è stato integrata la graduatoria per intervento di edilizia scolastica per l'annualità 2016, con l'inserimento di Montegranaro e Francavilla d'Ete. Oggi, quindi, il nostro finanziamento di 580.000 euro è certo e stiamo aspettando che il Ministero eroghi le risorse per fare la gara di appalto, che dovrà essere espletata entro fine marzo. Si tratta di un progetto di miglioramento sismico e cercheremo di fare coincidere l'inizio dei lavori con la fine dell'anno scolastico, anche se l'intervento è sostanzioso e servirà tempo”.

 

Il Sindaco ha rimarcato la serietà dell'Amministrazione rispetto a proposte estemporanee rivelatesi infondate. “Abbiamo puntato su questo progetto e abbiamo seguito una linea rivelatasi vincente. La scuola di Santa Maria è quella che ha destato le maggiori preoccupazioni e avevamo dichiarato non agibile la zona refettorio. Ma da subito abbiamo detto che saremmo intervenuti e così abbiamo fatto, con i lavori che si stanno concludendo. Dopo la forte scossa del 30 ottobre abbiamo continuato a ripetere controlli, riguardo ai quali mi preme far presente come la SOI di Macerata abbia avvisato i Sindaci che ulteriori controlli sarebbe dovuti essere fatti da tecnici comunali senza aspettare la Protezione Civile. Un'azione pienamente legittima e consigliata, che abbiamo svolto con i nostri tecnici, professionisti seri e con i titoli per effettuare questo tipo di verifiche. Le ordinanze successive hanno avuto soltanto una motivazione precauzionale e non per problemi strutturali che, lo ripeto ancora una volta, le nostre scuole non hanno”.

 

“Questo finanziamento per la scuola di Santa Maria è una cosa fondamentale per la nostra città – ha rimarcato il Vice Sindaco Endrio Ubaldi -. Lo scorso settembre, in occasione di un'assemblea pubblica con i genitori, avevamo detto che avremmo atteso l'eventuale finanziamento, anche impegnandoci a muoverci autonomamente in caso di risposta negativa. Invece oggi ringraziamo la Regione Marche, in particolare l'Assessore Cesetti, che ci ha permesso di dare una risposta pronta. La scuola resta per noi una priorità e lo stiamo dimostrando con fatti concreti. In queste settimane abbiamo garantito sicurezza all'interno delle strutture e non abbiamo smesso un attimo di perorare questa causa presso la Regione”.

 

Sulla proposta dei Cinque Stelle di una verifica del livello di vulnerabilità sismica degli edifici, l'Amministrazione comunale si è detta pronta ad operare in tal senso. “Su Santa Maria la verifica la abbiamo già, per le altre andremo a chiedere dei preventivi per studi sì importanti ma anche molto costosi. La nostra intenzione è di verificare tutti gli edifici ed in base ai preventivi metteremo in campo gli interventi necessari”.

 

Dal punto di vista dei controlli sugli altri edifici pubblici, il Sindaco ha comunicato che nella giornata di ieri si è svolto un sopralluogo dei Vigili del Fuoco nella Chiesa di San Serafino, a suo tempo chiusa precauzionalmente. “La conclusione è stata che non ci sono problemi strutturali ma che verranno fatti altri controlli, perché nulla va lasciato al caso. Subito, quindi, revocheremo l'ordinanza per il centro anziani e gli ospiti potranno tornare nelle loro stanze”.

 

Persistono lesioni nel Palazzo comunale, rilevate da una squadra di ingegneri sismici della Protezione Civile, lesioni che però non hanno compromesso tutta la struttura. Per Palazzo Francescani ci sono zone più vulnerabili, che vanno osservate con attenzione, ma che non destano preoccupazione. “Da qui in avanti dovremo decidere quali lavori fare, come dislocare gli uffici, evitando di fare spese e traslochi inutili”, ha rimarcato la Mancini.

 

Situazione più delicata per quanto concerne gli edifici privati. “Sono 478 le richieste pervenute e ad oggi sono stati fatti 82 sopralluoghi. I nostri uffici sono stati straordinari, hanno lavorato anche durante i festivi, nonostante uno dei nostri tecnici abbia addirittura la propria casa inagibile. L'Architetto Alessandrini ha fatto un lavoro enorme, oggi coadiuvato dalll'Ingegner  Frati e da un'altra figura. Resto un fatto: i sopralluoghi sono ancora tantissimi e per questo abbiamo richiesto la procedura fast per il supporto di tecnici per una prima scrematura per gli immobili non utilizzabili e per la richiesta di moduli abitativi dove ci sono situazioni gravi. Per fortuna le poche famiglie che hanno avuto un'ordinanza (4 in zona Santa Maria e 1 in zona Centro) sono riuscite a trovare provvisoriamente autonoma sistemazione. Probabilmente arriverà qualche ordinanza anche su San Liborio.

Siamo, però, consapevoli che ciò non basta e per questo motivo abbiamo deciso di procedere ad una richiesta ai tecnici di Montegranaro (geometri, architetti, ingegneri), che saranno chiamati a svolgere volontariamente una collaborazione con il nostro ufficio tecnico per fare controlli negli edifici segnalati. In caso di buona adesione – e già in diversi si sono resi disponibili - potremmo smaltire tutto entro Natale. Questo passaggio si rende necessario perché, purtroppo, la mole di lavoro della Protezione Civile è enorme, considerata l'entità dell'ultimo sisma”.

“Questa Amministrazione – ha aggiunto l'Assessore ai Lavori Pubblici Aronne Perugini - è sempre attenta alle opportunità, a differenza di quanto accadeva negli anni passati. E considerata la tendenza nazionale, è probabile che ci saranno altre risorse per le scuole. Noi diamo ampia garanzia che saremo sempre presenti per cercare di intervenire. Va detto che per attingere ai finanziamenti è importante avere i progetti, proprio come abbiamo fatto noi.

Rimarco, inoltre, che ci vorrà tempo per verificare tutti privati. Noi siamo stati tra i primi Comuni che hanno deliberato la convenzione con la Regione per l'ufficio speciale per il terremoto, necessario per accedere ai finanziamenti. Sugli edifici pubblici quello che ci è stato detto ci rincuora. Sul Palazzo comunale avevamo già un progetto, che ovviamente dovrà essere integrato alla luce della nuova situazione. Al finanziamento per i danni aggiungeremo il nostro impegno per tornare a fruire pienamente ed in sicurezza di quella struttura. Quindi, ribadisco che la situazione è assolutamente sotto controllo”.

 

“Abbiamo fatto controlli nel centro storico – ha concluso l'Assessore Giacomo Beverati - e abbiamo sempre ottemperato alle ordinanze, come prevede la procedura ordinaria. Sul finanziamento per la scuola dico che queste risorse non cascano dal cielo e si ottengono anche con un forte impegno politico, oltre che amministrativo. L'intera Giunta si era posta come primo l'ottenimento di questo finanziamento e c'è riuscita. Dobbiamo tranquillizzare la città, si sbaglia quando si soffia sul fuoco della paura e questo è stato fatto a Montegranaro, anche in sede di Consiglio comunale. Chi ha una responsabilità politica – parlo di Giunta, maggioranza e minoranza - deve muoversi in maniera coerente e senza speculazioni di sorta. E noi come Amministrazione abbiamo lavorato seriamente, ottenendo un grandissimo risultato. Lancio un altro messaggio: la vita continua e perciò ci sforzeremo di fare la programmazione natalizia, pur rivedendo alcune cose. La nostra vigilanza resta massima, ma dobbiamo rimanere tranquilli. Le attività devono continuare e continueranno, con il supporto dei nostri uffici e delle associazioni cittadine. Invito tutti, quindi, a lavorare con questo spirito”.

Letture:1740
Data pubblicazione : 11/11/2016 16:29
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications