Attualità
Marzia Malaigia "Gli albergatori soccorrono i terremotati a proprie spese. La Regione Marche si attivi immediatamente"

Il Consigliere Regionale della Lega Nord Marzia Malaigia sulla situazione degli albergatori che stanno ospitando le popolazioni colpite dal sisma: “Il 9 novembre scorso nella seduta dedicata del Consiglio Regionale venivamo rassicurati e tranquillizzati dal Presidente Ceriscioli sulla situazione in cui versano i territori colpiti dalle scosse di terremoto cominiciate il 24 agosto ed in particolar modo sulla tempestività della Regione stessa ad erogare i contributi dati dalla Protezione civile nazionale alla Regione Marche per affrontare le spese per la sistemazione dei cittadini, attingendo a una cassa unica” 

Marzia Malaigia
Il Consigliere Regionale Marzia Malaigia

“A distanza di piu' di tre mesi dalla prima scossa la situazione è tutt'altro che tranquilla. Abbiamo ricevuto numerosissime segnalazioni da parte degli albergatori che stanno ospitando gli sfollati, da Sarnano a Norcia e sulla costa che non hanno ancora ricevuto un solo euro di rimborso per le spese di accoglienza degli sfollati successivamente al terremoto del 24 agosto”
«Sono allo stremo delle forze», prosegue la Malaigia, che ha raccolto la denuncia di un titolare di un hotel di Sarnano, portavoce di altri suoi colleghi che hanno messo a disposizione le loro strutture per le vittime del terremoto.
Sono 150 le strutture ricettive coinvolte nell'emergenza e 93 di esse non hanno ricevuto il codice meccanografico indispensabile per fatturare alla Regione Marche le spese del personale e di gestione, con la conseguenza di non poter ovviamente recepire un euro di rimborso. Il Decreto sul terremoto prevede infatti che gli albergatori  ricevano il rimborso a seguito della presentazione della fattura entro i 60 giorni successivi. Gli uffici della Regione Marche, incaricati all'elaborazione di un applicativo informatico necessario all'emissione di codici e di fatture elettroniche  non  è ancora in grado di fornirlo per un “errore di sistema”. Questa la risposta che si sono sentiti dare i titolari degli hotel che stanno denunciando quotidianamente  alla Confcommercio regionale una situazione di estrema precarietà,nella quale rischiano di non riuscire  più ad ospitare nessuno, per l'impossibilità di far fronte a spese e stipendi.
"Nel momento di massima emergenza hanno aperto le loro strutture a tutti gli sfollati, tenendo occupate tutte le camere e per far fronte alle spese correnti (stipendi, acqua, luce, gas, lavanderia, alimenti, pulizia, telefono) rischiano ora il fallimento e il licenziamento di 5800 dipendenti”.
“E' imbarazzante ascoltare ancora una volta proclami non veri da parte del Presidente della Regione sulla gestione impeccabile, a suo dire, dell'emergenza -conclude la Malaigia– e non mi va che la Regione si prenda meriti che non ha. Sono stati gli operatori turistici a farsi carico dell'ospitalità fornita alle vittime del terremoto e la Regione non è tutt'oggi operativa in maniera adeguata da fornire loro il sostegno promesso. Alberghi con centinaia di ospiti hanno anticipato decine e decine di migliaia di euro: la Regione Marche trovi nell'immediato la risoluzione a tale sofferenza”. 

Letture:1823
Data pubblicazione : 16/12/2016 15:54
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications