Attualità
Coldiretti. Si allunga il conto degli animali morti: 400 tra mucche e pecore lasciate all'aperto

Completare gli allacci della luce e dell'acqua nelle stalle mobili già consegnate, risolvere prioritariamente la situazione delle aziende colpite dal sisma del 24 agosto e accelerare sul percorso di risoluzione del contratto con la Lmv e sulla firma del nuovo appalto. A chiederlo è la Coldiretti Marche mentre peggiora di giorno in giorno la situazione nelle campagne devastate dal sisma, dove gli allevatori continuano a tenere i propri animali all'aperto allungando il conto del bestiame morto.

Coldiretti. Si allunga il conto degli animali morti: 400 tra mucche e pecore lasciate all'aperto

Secondo una stima Coldiretti è di almeno quattrocento capi il bilancio delle pecore e delle mucche uccise sinora nelle zone terremotate, tra i capi rimasti sotto il crollo delle stalle lesionate, quelli morti a causa del gelo, quelli spariti e mangiati dai lupi, gli aborti di vitellini e agnelli e i decessi a causa dei disagi generali legati all'alimentazione e alla situazione stessa, sempre a causa delle basse temperature. "La priorità deve essere quella di consentire l'ingresso degli animali nelle stalle mobili e fermare la strage di mucche e pecore costrette per mesi a restare al freddo - spiega il presidente di Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante -. Parallelamente va definito un cronoprogramma per il nuovo appalto, garantendo tempi strettissimi per il completamente delle stalle del sisma di agosto e l'arrivo di quelle necessarie per il terremoto di ottobre, dalla realizzazione delle piazzole fino alla posa in opera delle strutture. Ma serve anche l'arrivo dei fondi annunciati per dare ossigeno alle nostre imprese strette fra danni, crollo della produzione e calo del mercato".

Letture:1249
Data pubblicazione : 22/02/2017 11:13
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications