Attualità
Il Fermano riparte. I 17 Comuni del cratere uniti per la promozione e la ripartenza del territorio

Stamattina in conferenza stampa a Belmonte Piceno, nella meravigliosa cornice della Chiesa di Santa Maria in Muris, alcuni Sindaci dei 17 Comuni colpiti dal sisma e facenti parte dal cratere si sono riuniti per presentare il progetto di ripartenza culturale e territoriale delle loro realtà, colpite duramente dallo sciame sismico che sta interessando il Centro Italia dal 24 agosto 2016.

Il Fermano riparte. I 17 Comuni del cratere uniti per la promozione e la ripartenza del territorio

Amandola, Belmonte Piceno, Falerone, Massa Fermana, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Rinaldo, Monte Vidon Corrado, Montefalcone Appennino, Montefortino, Montegiorgio, Monteleone, Montelparo, Ortezzano, Santa Vittoria in Matenano, Servigliano e Smerillo. Si sono trovati stamattina per dare il via al progetto di ripartenza del Fermano. 


Il Sindaco di Belmonte, Ivano Bascioni, ha esordito: "Un gruppo di comuni più o meno omogenei ha deciso di presentare in Regione qualcosa di importante. Non far conoscere il nostro paese ma farci conoscere come territorio. Purtroppo gli eventi sismici hanno accomunato le nostre realtà e da questa tragedia abbiamo preso lo spunto per un lavoro di squadra che dia modo alla nostra identità collettiva e culturale di emergere." 


Il Sindaco di Servigliano Marco Rotoni ha sottolineato la buona qualità della vita del nostro territorio che purtroppo non è molto attenzionata: "Dobbiamo fare in modo che le nostre eccellenze diventino un ancora di salvataggio e l'amicizia tra noi sindaci faccia da collante per l'intero progetto. La solidarietà e la condivisione devono essere le matrici dell'attaccamento alla nostra macro realtà, al nostro vaso pieno di confini inseplorati. C'è grande fermento culturale e dobbiamo cavalcare questo sentiero e fare impresa, per aprirci anche a contesti internazionali. La Regione appena dopo il dramma del sisma ci ha dato dei compiti da fare a casa e noi siamo stati molto bravi a svolgerli, ora vogliamo che il grande impegno sia ricambiato."


Una delle realtà che guarda alla ripartenza, insieme a Filofest rappresentato oggi da Domenico Baratta, è il Marchio per la Dieta Mediterranea, i cui rappresentati, Adolfo Leoni e Paolo Foglini, erano oggi presenti alla conferenza.

"Questo progetto è un contenitore che ha al suo interno tante realtà - ha esordito Leoni -, stiamo facendo qualcosa di unito che rappresenta il nostro territorio. Tra noi c'è coesione ma non c'è mai stato un dialogo con le istutizioni cosiddette "alte", forse un po' non l'abbiamo cercato noi perché non eravamo pronti, ma ora è necessario questo confronto. Noi qui abbiamo la vera e propria anima del territorio, il cosiddetto Genius Loci, i nostri borghi ci parlano e il nostro grande patrimonio, quale è quello dei Monti Sibillini, non deve essere secondo a nessuno. Dobbiamo continuare sulla linea della sussidiarietà orizzontale che stamattina ci ha portati qui e fare in modo che tutti ne vengano a conoscenza."


"Forse siamo vicini alla catastrofe economica in seguito al sisma e il nostro territorio necessita l'attenzione di tutta l'Europa - l'osservazione di Paolo Foglini, medico diabetologo -. Il nostro non è un turismo mordi e fuggi ma deve portare all'innamoramento dei luoghi. Vogliamo correggere l'immagine di devastazione che ci è stata attribuita e vogliamo tornare alla ribalta come patrimonio culturale e storico quale siamo. Nella prima settimana di maggio - continua Foglini -, 100 studenti provenienti da tutto il mondo verranno a visitare il nostro territorio per qualche giorno e questa deve essere un'occasione per fare in modo che all'estero si parli della nostra realtà."

 

Il Sindaco di Massa Fermana, Gilberto Caraceni, ha espresso tutta la volontà di far sì che questa unione funzioni. "Vogliamo portare più persone possibili nel nostro territorio perché crediamo nelle nostre potenzialità. Non vogliamo piangerci addosso, ma passare ai fatti e crederci davvero."


Armando Benedetti, Sindaco di Montegiorgio, ha aggiunto: "queste scosse ci hanno portato a dare vita a questa iniziativa. Abbiamo tante cose da poter dare a noi stessi e agli altri, dal punto di vista architettonico, paesaggistico e soprattutto personale. Spero inoltre che questa compartecipazione si esprima anche in altri argomenti."


Giuseppe Forti, Sindaco di Monte Vidon Corrado, ha parlato dell'importanza di fare sistema e di non rimanere un gruppo chiuso ma di aprirsi a chiunque voglia far parte di questo progetto.


Come espresso all'unanimità da tutti i Sindaci, il problema maggiore sono i finanziamenti, chiesti alla Regione. Il progetto è stato presentato al Presidente Ceriscioli che sembra aver accolto l'iniziativa in modo lodevole, ora bisogna attendere i fatti.


L'ENIT, l'Agenzia Nazionale del Turismo, ha messo a disposizione 2 milioni di euro complessivi per le quattro Regioni (Marche, Abruzzo, Lazio e Umbria) colpite dal terremoto; fondi da destinare ad attività di promozione territoriale.


"La Regione Marche, quella che sembra essere stata la più colpita, si aspetta di avere una bella fetta del denaro stanziato" - ha dichiarato il Sindaco di Montappone. Mauro Ferranti -. "La richiesta dei 17 Comuni è quella di capire quale importo verrà assegnato e fare in modo che in Regione siano pronti a soddisfare la nostra richiesta. La nostra Provincia, nelle Marche, è la più piccola e spesso la nostra voce, soprattutto quella di realtà piccole come i nostri Comuni, non riesce a farsi sentire. Vogliamo fare leva sulla nostra unione perché 17 Comuni nel cratere non sono pochi e le esigenze ci sono."

Dunque un atto dovuto sul quale i Comuni fermani stanno lavorando da mesi, un progetto per lo sviluppo turistico e culturale sia del territorio sia delle aziende. Un progetto che si spera possa diventare di ampio respiro e donare di nuovo quella vivacità e serenità a dei Comuni che, in questo momento, stanno soffrendo molto.

Letture:4999
Data pubblicazione : 23/02/2017 13:38
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Carlo

    24-02-2017 13:12 - #2
    Io inizierei con la riapertura di chiese e musei (rendere agibile ogni edificio. e metterlo in sicurezza con norme antisismiche) cosa costosa ma che va fatta... sennò che gli facciamo vedere ai turisti... servono soldi e personale qualificato... poi casomai parliamo di tante altre cose, come la promozione turistica...
  • sandro

    23-02-2017 19:29 - #1
    sarà che sono profondamente ignorante ma a me sembrano le solite chiacchiere in politichese di concreto nulla!!!!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications