Attualità
Caos Valdete, Saturnino Di Ruscio attacca: "Chi dovrebbe intervenire e non lo fa tradisce la fiducia dei cittadini e danneggia le istituzioni che rappresenta"

Dopo le abbondanti precipitazioni che nella giornata di martedì hanno colpito il nostro territorio, provocando gli ormai soliti problemi in particolar modo sulla Valdete, Saturnino Di Ruscio torna a far sentire la propria voce, attaccando chi, pur rivestendo incarichi pubblici, negli anni si è astenuto dall'intervenire o, se l'ha fatto, non è riuscito a risolvere la situazione.

Caos Valdete, Saturnino Di Ruscio attacca:

"Leggo della lettera dell'avvocato (Villeado Craia, ndr) che sta tutelando gli agricoltori della Valdete, oramai "piegati" non tanto dall'acqua che sta distruggendo i loro terreni, frutto del lavoro di generazioni e di sacrifici incalcolabili, ma dall'inerzia delle istituzioni preposte alla tutela del fiume e quindi, indirettamente, della loro proprietà.

Sembra assurdo, ma gli agricoltori trovano difficoltà ad intervenire per proteggere la loro proprietà. Mi domando: " Chi riveste un incarico pubblico o di interesse pubblico ed è giuridicamente responsabile e competente ad intervenire ma non lo fa, o lo fa in modo sbagliato, non si sente inutile? Non comprende che, tradendo la fiducia dei cittadini, oltre a procurare loro danni enormi, arreca un danno ancora maggiore alle istituzioni che rappresenta perché fa perdere fiducia e credibilità alle stesse istituzioni e, conseguentemente, all'ordinamento dello Stato? Non pensa che questa possa rappresentare l'anticamera di una dittatura? O, ancor peggio, la causa della pericolosa disgregazione e degenerazione della nostra comunità con conseguenze potenzialmente drammatiche? Ovvero che qualcuno possa iniziare a farsi giustizia da solo?

Nella sola giornata del 7 marzo ho ricevuto molte lamentele: dall'agricoltore che, a causa dei lavori del Consorzio Bonifica, ha visto il suo terreno completamente allagato, all'automobilista che ha visto la strada Valdete sbriciolarsi sotto i suoi occhi, all'amministratore preoccupato per il ponte che rischia di saltare e così via. E' dall'anno 2011 che contesto questo stato di cose con esposti alla magistratura penale e contabile, con segnalazioni sugli organi d'informazione locali e non, convegni, ecc. Ho deciso di cancellarmi dal mio ordine professionale, quello degli agronomi, perché non hanno fatto nulla per frenare questa barbarie, un po' di coerenza non guasta. Almeno quando i miei nipoti mi chiederanno perché è stato massacrato un luogo meraviglioso come il nostro e, sicuramente di non minore importanza, il luogo dove viviamo, avrò molto da raccontare e far vedere!
Purtroppo è accaduto anche di sentirmi dire da un tecnico della Provincia di Fermo: "perché ce l'hai con me" o, come recentemente, "adesso con chi te la prenderai visto che non ci sono più?". Le mie battaglie non sono mai contro qualcuno ma per qualcosa: un ambiente sicuro e vivibile! Un proverbio cinese dice " abbiamo ricevuto la terra in prestito dai nostri figli!". Come "genitori" c'è da provare vergogna. Credo non ci sia molto da aggiungere. Se ce l'ho con qualcuno? Si, con tutti quelli che non fanno niente per cambiare questo stato di cose e o lo subiscono o ne approfittano! Ce l'ho con quelli che non s'indignano per tutti quei ponti divelti o lesionati a causa di lavori tecnicamente e concettualmente sbagliati; ce l'ho con chi non s'indigna per i tanti soldi "gettati nel fiume"; ce l'ho con chi si fa calpestare i propri diritti; ce l'ho con chi non s'indigna per i danni ai collettori fognari e idrici che noi tutti abbiamo pagato e dovremo ripagare.

Mentre scrivo questa nota di sfogo, mi giunge notizia che gli agricoltori, avendo saputo del passaggio della Tirreno-Adriatica lungo la Valdete, hanno intenzione di manifestare durante il passaggio dei ciclisti!!!! Speriamo che si fermino lì e non vadano oltre!

Chiudo con le parole di Lucio Battisti "Acqua azzurra, acqua chiara, con le mani posso finalmente bere"....ma fino a quando?

Letture:2215
Data pubblicazione : 10/03/2017 10:10
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Massimo

    10-03-2017 15:13 - #2
    Caro Saturnino Di Ruscio, a Fermo ci sono filgi e figliastri, cioè chi se la scampa sempre e chi piglia per groppa. Ti riconosco il merito di esserti battuto sin dall'inizio contro questo scempio, ma chi doveva far luce sulla vicenda, la Procura Della Repubblica di Fermo, è troppo impegnata in altre faccende, come il caso del Campeggio Verdemare, il cui unico torto è di avere all'interno del campeggio le roulottes, come se fosse l'unico campeggio ad averle, con gli altri che forse godono del fatto di avere ancora più prenotazioni del solito. Sarà poca cosa, ma sono dalla tua parte e mi auguro che continuerai nella ricerca della verità, anche se a Fermo oggi è merce rara.
  • Giggi

    10-03-2017 11:11 - #1
    Caro sig. Di Ruscio,apprezzo il suo impegno sull'Ete Vivo come io sono interessato alle sorti dell'Ete Morto,ricordando l'assemblea organizzata da lei la scorsa estate nel centro sociale della Valdete (ero presente ma non si trova il video della serata su youtube,come mai? ne ha una copia?)con agricoltori locali,figure politiche quali Cesetti,sarebbe interessato a organizzare nella primavera aprile-maggio un'altro incontro anche con i confinanti dell'Ete Morto? I problemi dei 2 fiumi hanno la stessa origine dolosa del 2011. Le consiglio di invitare oltre a Cesetti anche l'Ing. Stefano Babini (Genio Civile Fermo/Ap dal 2011 ad oggi) cosi ci possono spiegare i risultati ottenuti nel 2011 !!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications