Attualità
Progetto di riorganizzazione di Confindustria Marche, la sezione di Fermo dice no: "Proposta inaccettabile nel metodo e nel merito"

“Non si indossa un vestito fatto su misura per qualcun altro”. Un voto all’unanimità. Confindustria Fermo, con la sua Giunta allargata per l’occasione ai principali soci, dice no al progetto di riorganizzazione regionale di Confindustria Marche, che si sviluppa attorno al piano realizzato dalle territoriali di Ancona e Pesaro. Un piano che ha azzerato un lavoro di tre anni in cui, invece, erano stati affrontati tutti i dettagli, dai servizi al personale.

Progetto di riorganizzazione di Confindustria Marche, la sezione di Fermo dice no:
Il presidente di Confindustria Fermo Giampietro Melchiorri

“Una cosa è partire da un accordo tra due soggetti per migliorarlo e crearne uno nuovo, un’altra è pretendere di estendere questo accordo bilaterale a tutti, credendo che tutti debbano essere soddisfatti”, sottolinea il presidente di Confindustria Fermo, Giampietro Melchiorri.
Il filo conduttore della discussione che ha portato al voto della Giunta di Fermo è riassunto in chiare parole: il NO di Confindustria in questa fase si basa sul metodo usato. La Giunta fermana non entra nel merito dell’accordo, dal chi fa il presidente a chi il direttore, da che fine faranno i dipendenti alla panoramica sui conti. Ma il metodo è inaccettabile e lascia molti dubbi. “Due associazioni si accordano e catapultano l’accordo sulle altre tre. Da qui la decisione di aspettare, perché si è favorevoli alle aggregazioni ma non ai pasticci che tolgono voce ed equità”, ribadisce Melchiorri.
Confindustria Fermo rivendica il lavoro di sinergia iniziato da anni con Ascoli e Macerata con una condivisione di servizi. Una condotta che dimostra la volontà di collaborazione, finalizzata ad accrescere il ruolo dell’Associazione in favore delle aziende. “Serve rappresentanza in un territorio come il nostro, non serve un'Associazione priva di peso locale in una fase complessa come quella attuale”.
La Giunta di Confindustria Fermo non ha quindi esitato a bocciare un piano che non ha al suo interno neppure un business plan, che va a depotenziare il territorio e la sua rappresentanza. “Perdere sovranità e identità per il nulla, per un piano che non definisce, e qui entriamo nel merito, neppure chi farà cosa e come, ma che dedica ampio spazio ai posti di governance, già decisi con un criterio di autoinvestitura, sarebbe un ulteriore allontanamento dei servizi insieme alla perdita di peso della Provincia e al disinteresse della Regione per questa parte del territorio. Ed è un principio poco democratico”.
Confindustria Fermo ora auspica che Confindustria nazionale tuteli le prerogative democratiche di una Associazione che ha sempre dato voce a tutti, trovando poi una sintesi che si basi su valori, servizi, aiuto alle imprese e non sui posti. “Fermo è piccola, dinamica e frizzante, ma da sempre democratica. Mai nessuno imporrebbe qualcosa agli altri senza averlo condiviso, senza essersi arricchito dei contributi degli altri”, conclude Melchiorri.

Letture:1195
Data pubblicazione : 31/03/2017 18:30
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications